Marted́ 30 maggio 2017  7:26
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
BAGNO A RIPOLI
10.01.2017
h 15:27 Di
Redazione
La denuncia dei Cobas: "Una morsa di gelo artico dentro l'ospedale di Ponte a Niccheri"
Andrea Calò: "Messi in crisi da giorni reparti e servizi su una carenza di cui si era a conoscenza"
immagine

PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) - "Da giorni l’ospedale ripolese di Ponte a Niccheri è stretto da una morsa di gelo artico che ha finito per mettere in crisi reparti, servizi lavoratori e utenti creando notevoli disagi e criticità in molti casi insostenibile. Un freddo intenso si è abbattuto dentro l’Ospedale fin dal 7 gennaio quando le giornate di ghiaccio annunciate dai notiziari meteo hanno messo in crisi gli impianti di riscaldamento ed elettrici in essere all’ospedale e che l’azienda sapeva da tempo non essere perfettamente funzionanti".

 

E' Andrea Calò, delegato Rsau Cobas pubblico impiego per la Usl Toscana Centro, a denunciare la situazione.

 

"L’ospedale - spiega Calò - ha due caldaie delle quali una è ferma da tempo per manutenzione in carico al Consip (la   società per azioni del Ministero dell'Economia e delle Finanze, che ne è l'azionista unico, ed opera secondo i suoi indirizzi strategici, lavorando al servizio esclusivo della pubblica amministrazione) che gestisce l’appalto  in regime di monopolio del servizio manutenzione dell’asl. A carico del Consip ci sono: riscaldamento, condizionamento, acqua sanitaria e impianti elettrici in generale".

 

"Non solo le caldaie non erano perfettamente a posto - rincara Calò - ma anche molti fan coil  -  terminali utilizzato negli impianti di riscaldamento e climatizzazione (misti aria/acqua) – largamente utilizzati negli ospedali sono o sottodimensionati o obsoleti.  Quindi la mattina del 7 gennaio il freddo intenso annunciato in tutta Italia ha messo in crisi impianti non sufficientemente attrezzati e ha rotto alcuni apparecchiature di condizionamento (di scambio aria calda) che non sono probabilmente state controllate dal gestore nella modalità e tempi dovuti.  Oltre a questo abbiamo rilevato la rottura di tubazioni interne all’ospedale e assenza di energia elettrica senza che il gruppo elettrogeno ausiliario sia partito in tempo".

 

ANDREA CALO' - Delegato Rsau Cobas pubblico impiego per la Usl Toscana Centro

 

"Da quel momento - prosegue Calò - un freddo polare ha investito reparti, corridoi, struttura tanto da obbligare i gestori ad intervenire in ritardo per riparare i numerosi danni e disagi. Sabato mattina si è rotta la macchina di trattamento aria che si trova nella sterilizzazione al secondo piano dell’ospedale accanto alle sale operatorie; questo ha provocato la caduta di acqua dal soffitto al Cup piano primo. Grazie agli operatori interni presenti e a un nostro delegato in servizio, e non al Consip, si è evitato il peggio: sono stati tolti i pannelli dal controsoffitto e riparate al meglio le perdite, la zona è ancora transennata e interdetta al pubblico e agli operatori".
 

"Situazione drammatica in oncologia - denuncia Calò - dove ai pazienti sono stati fatti i prelievi con stufette raccattate e rinviate molte chemioterapie a causa del forte gelo. Non sappiamo a tutt’oggi quanti sono stati i pazienti allontanati o rinviati a casa, per colpa del freddo.  Tutti i corridoi dei servizi e dei reparti continuano ad essere esposti  al gelo più assoluto, compreso portineria e ingresso interno dell’Oospedale. Tanti sono i reparti che hanno risentito del gelo medicine, pediatria  e servizi ai piani".  
 

Continua Calò nella sua ricognizione: "A tutt’oggi la mensa ospedaliera si trova in preda al ghiaccio, lì l’impianto di fan coil (sottodimensionato) da giorni non sta funzionando, chi vuole consumare i pasti deve indossare giubbotti sciarpe e guanti. Clima impossibile negli spogliatoi, dove i lavoratori non sanno come fare a indossare abiti e divise. Ovunque disagi e criticità".
 

"Dunque - traccia un bilancio - un ospedale ostaggio del freddo e del gelo  frutto probabile non solo di un brusco cambiamento climatico ma anche  di imperizia, superficialità e approssimazione nella gestione, controllo e manutenzione degli impianti.  Come delegato Rsu Cobas chiedo all’Azienda e alla stessa Regione Toscana che siano minuziosamente accertate e perseguite leggerezze, superficialità e responsabilità. Così come chiederò di acquisire una relazione dettagliata che dimostri le modalità di intervento del gestore sugli impianti oggetto dell’appalto, la quantità dei controlli effettuati e i tempi".
 

"Oltre alle caldaie - sottolinea ancora Calò - altri punti nevralgici nell’ospedale sono  rappresentate dalle cabine elettriche che si trovano al sottosuolo dell’ospedale e che risultano essere inadeguate e pericolosissime e interessate mesi fa da un principio di incendio che ha provocato un black out. Oggi, martedì 10 gennaio, dopo 4 giorni di freddo polare artico, tenuta debitamente sotto silenzio dall’amministrazione, la situazione è leggermente migliorata anche se il servizio di chirurgia ambulatoriale  questa mattina ha dovuto rinviare alcuni interventi".
 

"Ma ovunque - tiene a dire -  si registra tra gli operatori e i cittadini un misto di rabbia e impotenza. Soprattutto per il fatto che una parte di queste rotture e guasti si potevano prevedere anche grazie all’allerta meteo. Chi doveva controllare, monitorare e qualificare gli impianti, non l’ha fatto nei tempi e nelle modalità previste.  Nessuno è in grado di sapere quando la situazione tornerà alla normalità. Quello che ci preme comunque evidenziare che non è  accettabile che un ospedale rimanga ostaggio di una cattiva amministrazione e che a pagarne i costi e le ricadute siano lavoratori e cittadini. E che su quanto sta accadendo in queste ore e giorni  difficili venga il tutto  celato da un “silenzio e un riserbo sospetto” non certo figlio di una buona amministrazione efficiente e trasparente".

 

"Può sembrare infine una piaggeria da parte mia - conclude Calò - lo dovrebbe fare l’azienda, ma vanno ringraziati tutti gli operatori sanitari che con grande sacrificio e responsabilità in queste ore e condizioni davvero difficili, hanno cercato di assistere dignitosamente pazienti cercando di assicurare quel decoro e quella dignità ad un ospedale non correttamente gestito".

ARCHIVIO NOTIZIE