Domenica 19 novembre 2017  17:12
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
SAN CASCIANO V.P.
9.03.2017
h 15:58 Di
Matteo Pucci
Traditi dall'odore di marijuana in auto: e a casa avevano anche 21 piante
Lungo via Certaldese: dalla perquisizione del mezzo a quella del domicilio. Dove si è aperto... un "mondo"
immagine

SAN CASCIANO - Traditi dall'odore di marijuana nella loro auto, perquisita durante un controllo lungo via Certaldese, un 29enne e un 26enne finiscono agli arresti. Ma è nella successiva perquisizione del domicilio che ai carabinieri sancascianesi si apre... un "mondo".

 

Durante la notte scorsa, nel corso di un servizio coordinato della Compagnia di Scandicci, finalizzato alla repressione dei reati relativi allo spaccio di sostanze stupefacenti, i militari della Stazione di San Casciano, hanno arrestato un empolese di 29 anni , incensurato ed un rumeno di 26 anni, conosciuto per i suoi precedenti.

 

I due, nel transitare a bordo della loro autovettura lungo via Certaldese, sono stati sottoposti a controllo e sono stati trovati in possesso di droga.

 

Nello specifico, durante le operazioni di controllo, i carabinieri sai sono insospettiti per un duplice motivo: il primo perché i due sin da subito, si sono dimostrati impazienti e nervosi; il secondo, perché dall'interno del mezzo proveniva un forte odore di marijuana.

 

Gli accertamenti hanno permesso di rinvenire sul mezzo 31 grammi circa di marjuana e 2 grammi di cocaina.

 

I carabinieri, considerata la scoperta, hanno poi voluto approfondire gli accertamenti effettuando dei controlli presso le loro abitazioni.

 

I militari una volta giunti presso il domicilio del 29enne hanno rinvenuto 109 grammi di marjuana e la somma di 1.200 euro, mentre a casa del 26enne hanno trovato una serra con 21 piante di canapa indiana, alte circa 85 cm, 70 grammi di cocaina, 450 grammi di marijuana già pronta, la somma di 400 euro, nonché vario materiale atto alla coltivazione, pesatura e confezionamento dello stupefacente.

 

Entrambi sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di droga. Il 29enne è finito agli arresti domiciliari mentre per il 26enne si sono aperte le porte del carcere di Sollicciano.

 

ARCHIVIO NOTIZIE