Giovedě 21 settembre 2017  19:52
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
GREVE IN CHIANTI
11.07.2017
h 09:32 Di
Matteo Pucci
"A giugno sono passati all'ufficio turistico 814 turisti in più rispetto al giugno 2016"
Il responsabile dell'ufficio turistico grevigiano Giuliano Sottani snocciola i dati e fa una riflessione a 360 gradi
immagine

GREVE IN CHIANTI - Sullo stato di salute del turismo in questo 2017, analisi per la quale abbiamo preso "a campione" la capitale del eccellenza del turismo nel Chianti fiorentino, ovvero Greve in Chianti, si sono espressi in molti.

 

Dall'assessore del Comune di Greve in Chianti Gionni Pruneti a chi, a Greve in Chianti, nel settore turistico ha la maggior parte del proprio futuro imprenditoriale: negozi, vinoteche, ristoranti, alberghi. Fino a "normali" cittadini che hanno inviato lettere al giornale.

 

# ARTICOLO / "Aumento turisti? L'assessore Pruneti venga in piazza a vedere con i propri occhi"

 

# ARTICOLO / Turismo, dal Comune stop a voci di crisi: "All'ufficio turistico presenze in crescita"

 

# L'ARTICOLO SU WECHIANTI / Turismo, estate di pessimismo. A Greve in Chianti operatori preoccupati

 

# LA LETTERA / "Crollo turismo a Greve? Prezzi fuori norma. E ci sono altre priorità"

 

 

Le visioni sono diverse e appassionate, segno che su un ambito così importante della vita economica del nostro territorio c'è fermento. Voglia di capire e, eventualmente, migliorare.

 

Porta il suo contributo anche Giuliano Sottani. Che sul turismo ha investito gran parte della sua vita. Sia di imprenditore che di amministratore. Ancora oggi, con la gestione dell'ufficio informazioni e accoglienza turistica del comune grevigiano.

 

"E' importante - dice Sottani - aprire una discussione sul turismo grevigiano, anche se è sempre meglio avere in mano dei dati prima di emettere giudizi".

 

E torna a mettere in primo piano le statistiche del trimestre aprile-maggio-giugno, di cui aveva già parlato l'assessore Pruneti. Numeri che parlano di maggiori presenze a Greve.

 

Si ricorda una "presenza" è quella di ogni turista che è passato dall'ufficio informazioni in piazza Matteotti. Non, in questo caso, un pernottamento nelle strutture.

 

MESE 2016 2017 INCREMENTO
APRILE 2.149 2.353 +6%
MAGGIO 4.761 5.222 +10%
GIUGNO 5.615 6.429 +11%
Fonte: Ufficio informazioni e accoglienza turistica Greve in Chianti

 

"Quindi - rimarca Sottani - l’assessore Pruneti ha perfettamente ragione quando  dichiara che le presenze nel comune di Greve in Chianti sono aumentate. Per quanto riguarda i prezzi, salvo rare eccezioni, i prezzi sono gli stessi delle altre località turistiche e non".

 

 

"Chi critica - dice ancora - dimentica quanto sia difficile la congiuntura economica per i bottegai grevigiani. Anche il commercio è in seria crisi: purtroppo a Greve in Chianti nelle settimane scorse hanno chiuso quattro negozi perché non ce la fanno. E nei prossime mesi ne chiuderanno altri".

 

"Un discorso a parte - tiene a dire - merita riservare a chi dice che... il Comune spende decisamente troppo per l'ufficio turistico. Ritengo corretto informare che il Comune di Greve in Chianti non spende nulla per l’Ufficio Turistico, salvo mettere a disposizione l’ufficio medesimo (nel Palazzo del Fiorino, n.d.r.) e pagare le relative utenze, come espressamente previsto dal capitolato speciale della gara di appalto di quattro anni fa".

 

"A fronte della sola messa a disposizione dei locali e delle relative utenze - rilancia Sottani - la società di gestione garantisce le informazioni turistiche per otto ore al giorno per sette giorni alla settimana, con un risparmio considerevole rispetto a quanto costerebbe se il Comune dovesse gestire l’ufficio con proprio personale".

 

"Prova ne è - dice ancora - che i Comuni di San Casciano, Barberino Val d’Elsa, Tavarnelle e Castellina in Chianti hanno fatta una nuova gara. E spendono in tre anni 248.683,50 euro. Senza nessuna polemica: questi sono i fatti".

 

"Ultima considerazione - conclude Sottani - del tutto personale: l’economia del comune di Greve in Chianti si basa quasi esclusivamente sull’agricoltura e sul turismo. Tutti gli interventi del Comune in questi settori meritano plauso attenzione e rispetto".

ARCHIVIO NOTIZIE