Luned́ 21 agosto 2017  19:47
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
TAVARNELLE V.P.
8.08.2017
h 12:54 Di
Redazione
Ecco come stanno i laghi di Fabbrica: uno dei due già a quota zero
Sopralluogo sui due invasi che rappresentano un "polmone d'acqua" per Tavarnelle e Barberino Val d'Elsa
immagine

TAVARNELLE-BARBERINO VAL D'ELSA - Nella sua ultima panoramica sulla risorsa idrica in questa annata di terribile siccità, Publiacqua ha indicato nei comuni di Tavarnelle e Barberino Val d'Elsa una delle aree a più elevata criticità.

 

"Sono i due comuni - si leggeva nela nota ufficiale - dove la criticità è più forte a causa della riduzione dei locali invasi (Laghi di Fabbrica, Diga Migliorini); in questi due comuni sono già in corso integrazioni con autobotti e, per preservare risorsa locale, è prevista l’attivazione del Lago del Nero e di Antinori per metà agosto".

 

LAGHI DI FABBRICA - La situazione di quello superiore, ormai vuoto

 

"Sul lago Cortifedi - concludeva Publiacqua - il prelievo è già attivo; sono in corso attività di ricerca perdite straordinarie compresa l’attività sul collegamento La Botte-Sambuca, adduttrice fondamentale per portare acqua proveniente dall’Impianto dell’Anconella".

 

E come se non bastassero le parole, ecco le immagini a documentare il tutto. Per quanto riguarda i Laghi di Fabbrica infatti, il bacino superiore (quello più grande) è ormai a zero (è stato comunque interessato da lavori di adeguamento che hanno contribuito allo svuotamento), mentre quello più piccolo ha ancora 30mila metri cubi (sui 70mila totali).

ARCHIVIO NOTIZIE