Sabato 16 dicembre 2017  0:46
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
GREVE IN CHIANTI
12.10.2017
h 09:26 Di
Redazione
La Vite è meravigliosa, incontro con aziende e cittadini al Palazzo della Torre
Primo incontro per delineare un manuale contenente linee guida condivise per la costruzione dei paesaggi
immagine

GREVE IN CHIANTI - L'obiettivo del progetto è la creazione di un manuale contenente Linee Guida condivise per la costruzione dei paesaggi del Chianti.

 

Prende il via, con il primo incontro in programma venerdì 13 ottobre alle 17.30 presso il Palazzo della Torre a Greve in Chianti, il percorso che mette al centro i bisogni del mondo agricolo. Si aprono i lavori del percorso partecipativo “La Vite è meravigliosa”, finanziato dall’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione, promosso dai Comuni di Barberino Val d’Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Greve in Chianti (capofila), Radda in Chianti, San Casciano, Tavarnelle e dal Consorzio Vino Chianti Classico.

 

Il percorso si propone di coinvolgere le aziende e gli operatori del mondo agricolo, enti e cittadini.

 

“Intendiamo conoscere approfonditamente le esigenze - afferma il sindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani -  le problematiche, i suggerimenti e le proposte di tutti e delineare insieme le regole con cui valorizzare il paesaggio e la vocazione agricola e turistica del Chianti. Il progetto vuole costruire dal basso le modalità di gestione attiva del paesaggio finalizzate a favorire una maggiore agilità burocratica e a ridurre i tempi delle procedure, valorizzare le pratiche virtuose e aprire nuove opportunità di sviluppo sostenibile del territorio in termini economici, ambientali, culturali e turistici".

 

"Il progetto, inoltre - conclude il sindaco  risulta fondamentale per il processo di candidatura del Chianti come patrimonio mondiale dell’umanità Unesco. Invitiamo tutti a partecipare e a prendere parte alla discussione offrendo ciascuno il proprio contributo”.

 

“La Vite è meravigliosa” si incardina sulle conoscenze locali e mette in campo anche specifiche competenze esperte.

 

Dopo oltre tre secoli di vita il Chianti si rafforza e rinasce come modello di cultura integrata, condivisa e antiburocratica.

 

Una realtà omogenea e unitaria che fa dell’incontro tra necessità e prospettive la chiave per superare le fragilità e innalzare la qualità della vita partendo dai bisogni reali e dai sogni possibili del territorio.

 

Gli strumenti per raggiungere tali obiettivi sono la semplificazione amministrativa, l’efficacia come antidoto alle lungaggini e ai vincoli eccessivi, la riduzione di difformità normative tra comuni vicini.

 

Nella terra del buon vivere l’identità chiantigiana, fatta di istituzioni, aziende, associazioni, comunità che lavorano per la crescita del territorio, punta a compiere un salto di qualità e ad intraprendere un’azione collettiva, rivolta a produrre importanti cambiamenti in termini gestionali e amministrativi, in particolar modo nel settore vitivinicolo.

 

Info e contatti: 3755488833 - laviteemeravigliosa@coopmhc.com.

ARCHIVIO NOTIZIE