Sabato 16 dicembre 2017  0:44
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
SAN CASCIANO V.P.
12.10.2017
h 14:12 Di
Antonio Taddei
Furti in appartamento: la zona di Decimo presa di mira dai ladri
Due recenti andato a segno, uno di qualche mese fa con la scelta della casa... sbagliata
immagine

SAN CASCIANO - Una serie di furti in appartamento ha interessato la zona del quartiere di Decimo.

 

Dove, sebbene le strade siano senza sfondo (e quindi con una via di fuga più complessa), i ladri hanno scelto di arrivare dal retro degli appartamenti attraversando la campagna, lasciando il “palo” in macchina lungo la via Cassia per Firenze.

 

Ipotesi molto attenibile, anche perché sono state trovate delle recinzioni con fili elettrici per i cinghiali abbattute per facilitare la fuga.

 

Il periodo preferito per colpire è dalle 19.30 alle 24. Uno degli ultimi furti messi a segno è avvenuto intorno alle 20, all’interno di un’abitazione in cui, guarda caso, i residenti erano usciti per cena.

 

Passati da una finestra, una volta all’interno i ladri hanno avuto tutto il tempo di rovistare nelle camere, arrivando a trovare soldi e oggetti in oro.

 

Non contenti sono andati nella rimessa, dove hanno rovistato anche all’interno delle vetture per poi scappare attraverso i campi. Quando i proprietari sono rientrati, intorno alle 24, non è rimasto altro che chiamare i carabinieri.

 

"La stessa sera - ci ha raccontato una signora che abita poco distante - ho sentito il mio cane abbaiare in modo strano. Ho preso una torcia e sono andata fuori, di solito ci sono i cinghiali che arrivano a pochi passi dalla porta di casa, ma il cane continuava ad abbaiare. Ho cercato di fare luce per individuare magari se ci fossero delle persone, ma niente".

 

"Purtroppo - ci ha confidato - devo dire che molte zone di Decimo sono scarsamente illuminate, questo facilita i ladri nel potersi nascondere con facilità. Quella sera appunto non erano i cinghiali, ma i ladri!".

 

Altro episodio è avvenuto durante una festa di compleanno, quando una donna aveva lasciato aperta la finestra della cucina per dare aria dopo avere fritto dei dolci.ù

 

Così facendo ha però “invogliato” il ladro a introdursi all’interno della casa, dove è rouscito ad arraffare una cassettina dove la figlia custodiva un “tesoretto” di 50 euro.

 

Per una volta però, in un’altra circostanza i ladri sono scappati a mani vuote. Poco prima delle 20 di qualche mese fa, sempre a Decimo, arrampicandosi per la facciata sono arrivati a un terrazzo; con un trapano hanno fatto due fori sull’infisso, riuscendo così ad aprire la porta finestra ed entrare.

 

La delusione deve essere stata tanta, perché una volta dentro si sono trovati davanti a un appartamento non affittato, in sostanza vuoto.

 

Non gli è rimasto altro che calarsi dalla finestra che dà sul retro e scappare, anche in quel caso attraverso i campi, perché nel frattempo i vicini insospettiti dai rumori si erano allarmati.

 

Massima attenzione dunque e come più volte abbiamo scritto, telefonate sempre ai carabinieri al 112 o allo 055820031 se si ha un minimo sospetto.    

 

ARCHIVIO NOTIZIE