Venerd́ 24 novembre 2017  8:07
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
BAGNO A RIPOLI
12.11.2017
h 09:32 Di
Silvia Rabatti
I tassisti per "Un petalo per Margherita", cena di solidarietà a Badia a Settimo
Grazie al Mutuo Soccorso Tassisti Fiorentini la causa dell'associazione ripolese va in giro per Firenze
immagine

BAGNO A RIPOLI - Sono stati circa centrotrenta i commensali che si sono seduti a tavola all’ Abbazia di Badia a Settimo (Scandicci) venerdì 10 novembre per prendere parte all’iniziativa che la Società Mutuo Soccorso Tassisti Fiorentini  aveva organizzato a favore della onlus “Un petalo per Margherita”, associazione senza scopo di lucro nata per sostenere la ricerca scientifica contro l'atassia di Friedreich (una rara malattia genetica neurodegenerativa) da cui è affetta una giovane ragazza ripolese.

 

Un momento della cena all'Abbazia

 

Una cena in grande stile in una location storica e suggestiva, organizzata e preparata esclusivamente dai tassisti con l’aiuto delle loro famiglie che non sono nuovi a questo tipo di iniziative.

 

Stavolta il contatto era a loro arrivato grazie ad Andrea Sollazzo che già fa conoscere per le strade di Firenze questa onlus portando ogni giorno l’immagine del fiore che simbolicamente la rappresenta stampato sulla fiancata del suo taxi.

 

La loro mano tesa in risposta è subito arrivata passando dagli ottimi piatti cucinati in abbondanza. Al servizio in sala invece ci ha pensato un cast tutto al femminile, le cameriere infatti sono state le quote rosa che fanno parte dell’associazione.

 

La divisa delle camierere

 

Con le loro magliette verde speranza e i loro sorrisi hanno contribuito alla buona riuscita della serata. In questo modo è stato possibile devolvere direttamente nelle mani di Cinzia e Dimitri, i genitori della ragazza presenti alla serata, il ricavato. Inoltre la Società Mutuo Soccorso Tassisti Fiorentini ha pensato di devolvere loro anche un ulteriore contributo per sostenerli  ancora in quelle che sono le spese che quotidianamente gravano sulle spalle di questa famiglia.

 

ARCHIVIO NOTIZIE