Lunedě 20 agosto 2018  0:53
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
GREVE IN CHIANTI
13.02.2018
h 09:36 Di
Redazione
La Prova del Cuoco: Greve in Chianti tutti i giorni va in onda su Rai 1
Fino al 16 febbraio in "Aspettando Antonella", alle 11.50: agricoltori, macellai, ristoratori. Territorio in vetrina
immagine

GREVE IN CHIANTI - Una sequenza di approfondimenti, in striscia quotidiana fino al 16 febbraio, introdurranno la Prova del Cuoco con le eccellenze paesaggistiche ed enogastronomiche di Greve in Chianti.

 

Il comune toscano, cuore delle colline fiorentine, è protagonista dell’anteprima di una delle trasmissioni Rai più amate dagli italiani, diretta da Antonella Clerici.

 

Tutti i giorni fino a venerdì 16 la finestra televisiva, di diffusione nazionale, metterà in primo piano i saperi e i sapori di Greve, focalizzando l’attenzione su alcune delle migliori espressioni del territorio.

 

 

Tradizione, qualità, know-how della cultura agricola e gastronomica, ingegno e fantasia sono i talenti della campagna toscana scelti dall’equipe di “Aspettando Antonella” di Manuela Covatta per la regia di Luciano Sabatini, il programma che introduce e precede il mezzogiorno di Rai 1, in onda alle ore 11.50.

 

“Aspettando Antonella” è un viaggio tra alcune delle esperienze più virtuose delle vocazioni legate alla terra e alle origini chiantigiane.

 

Della qualità e della storia dei grani antichi e dei processi di produzione della pasta artigianale si parla con la famiglia che da più di un secolo porta avanti la tradizione del pastificio Fabbri di Strada in Chianti.

 

La tappa si conclude ai fornelli con la presentazione di un piatto tradizionale, Pappardelle di San Lorenzo, patrono dei pastai e dei fornai.

 

A Panzano in Chianti, i riflettori si accendono sui produttori di olio e vino Claudia e Arnaldo Miele dell’azienda agricola Casino di Sala e Giovanni Tolu dell’azienda agricola La cipressaia, produttore di formaggi pecorini.

 

Da borgo a borgo, il tragitto della qualità e della cucina slow continua a Greve. E’ nella piazza Matteotti, tra gli archi e i loggiati che disegnano e abbracciano la piazza del cuore del Chianti che prendono vita le tradizioni.

 

 

Protagonisti sono Ilenia Innocenti del ristorante Il Portico che mostra la ricetta del peposo, un piatto antico della tradizione imprunetina, e Stefano Falorni alla guida di una macelleria storica, in vita dal 1806, che si propone come moderno bistrot, legato alle radici di una famiglia che tramanda la propria passione da nove generazioni.

 

“Una vetrina nazionale per Greve in Chianti e le sue molteplici anime - dichiara il sindaco Paolo Sottani - fatte di persone, tradizioni, pratiche agricole, cultura enogastronomica. I focus del programma televisivo mettono l’accento sulle qualità più elevate del nostro territorio. Il tema del vivere slow declinato nei ritmi della quotidianità, lo stile di vita incentrato sulla consapevolezza, la responsabilità e la valorizzazione del patrimonio culturale, agricolo e ambientale sono il punto di maggior vanto per un territorio che dallo scenario internazionale continua ad essere ritenuto modello di spazio urbano in dialogo e in armonia con il tessuto agricolo”.

ARCHIVIO NOTIZIE