Giovedě 20 settembre 2018  3:43
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
IMPRUNETA
12.03.2018
h 17:20 Di
Redazione
Roberto Viti: "La scuola materna di via Roma deve essere riaperta ai bambini"
Il consigliere comunale: "Concordo con il dirigente scolastico e i genitori del Consiglio d'Istituto"
immagine

IMPRUNETA - "Concordo con quanto richiesto dal dirigente scolastico e dalla presidentessa del Consiglio d'Istituto di riaprire la scuola materna di via Roma. Questa soluzione è l'unica praticabile che può essere realizzata in tempi brevi".

 

Lo dice il consigliere comunale di Obiettivo Comune Roberto Viti. Il tema è quello a dir poco annoso della situazione della ex materna nel cuore del paese.

 

"Si deve ricordare - prosegue Viti - che questa scuola fu chiusa nel 2013 perché in alcune aule ci pioveva, dato che nei lavori di ristrutturazione del 2001 non fu rifatto il tetto. Infatti la copertura dell'edificio risulta essere quella originale del Settecento ed è priva di guaina ed isolante come ho più volte denunciato".

 

 

"Ritengo - rilancia Viti - che per riaprire questa scuola non si possa prescindere dal prevedere il rifacimento completo del tetto. E che una volta realizzato questo intervento la scuola materna Luca della Robbia sia definitivamente recuperata alla destinazione per la quale si sono presi dei mutui per  più di un milione e mezzo di euro".

 

"E' vero - ammette - che una scuola materna su più piani presenta delle criticità, ma non si possono buttare alle ortiche gli investimenti delle passate amministrazioni che ci sono costate e ci costeranno molto. Si pensi che, solo nei cinque anni del mandato del sindaco Calamandrei, abbiamo pagato più di mezzo milione di euro per le rate dei mutui dell'acquisto e della ristrutturazione. E continueremo a pagare 40.422 euro annualmente fino al 2036. Tutto questo senza minimamente aver utilizzato l' edificio in questione".

 

"Un modo per realizzare velocemente il tetto - suggerisce - è quello di dichiarare la "somma urgenza" dell'intervento. Con questa procedura, utilizzata nel 2012 dall'amministrazione comunale per il rifacimento della copertura della scuola materna in via Buozzi (importo dei lavori 60.010 euro), si può fare un affidamento diretto dei lavori a trattativa privata. Si deve tenere presente che la procedura di somma urgenza può essere utilizzata solo se l'importo dei lavori è inferiore a 200.000 euro. E  sembrerebbe possibile in questo caso".  

 

"Sono certo - dice convinto Viti - che quanto prospettato non verrà preso in considerazione dal sindaco attuale, ma non è detto che sia così per quello futuro. Si deve ricordare che il sindaco Beneforti aveva previsto il rifacimento del tetto. Si deve inoltre sottolineare che nel progetto del 2011 "Lavori di manutezione straordinaria per messa in sicurezza della scuola materna" non era minimamente presa in considerazione la realizzazione di uno scannafosso".

 

"E' stato questo elemento - ricorda Viti - e la relativa cifra prevista per la sua realizzazione, (400.000 euro) che ha determinato la scelta di prevedere una nuova scuola. La necessità di questo intervento, per quanto di mia conoscenza, non è suffragata da nessuna relazione tecnica e ritengo sia stata costruita ad arte".

 

"Una cosa invece che ritengo che il sindaco condivida - conclude Viti - e anzi che realizzi a breve, è la manutenzione della calata della doccia nella facciata principale della scuola materna. Le perdite evidenti di acqua che si vedono contribuiscono certamente ad aumentare l'umidità delle pareti sotto la sede stradale. Curioso è che la motivazione dello scannafosso fosse proprio l'umidità di alcune pareti".

ARCHIVIO NOTIZIE