Martedě 17 luglio 2018  17:19
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
GREVE IN CHIANTI
14.05.2018
h 10:25 Di
Redazione
Esondazione San Polo: il grazie pieno di emozione dell'edicolante del paese
Il suo è stato probabilmente il negozio più colpito. Un cartello all'ingresso esprime la sua gratitudine
immagine

SAN POLO (GREVE IN CHIANTI) - E' passata quasi una settimana dall'esondazione che martedì 8 maggio ha travolto l'abitato di San Polo in Chianti.

 

Il paese è ormai tornato alla normalità: rimangono i danni subiti, in particolare da abitazioni ed esercizi commerciali nel cuore del paese. E il timore che, se non vengono trovate soluzioni, possa ripetersi di nuovo.

 

Uno dei negozi più colpiti è stata senza dubbio l'edicola. Incontrammo Simona, la proprietaria, il giorno dopo l'esondazione, mentre era intenta a pulire.

 

“E’ già la terza volta che ci succede, non recentemente ma quando avevamo già l’attività - ci aveva raccontato - L’acqua non riusciva a defluire. Sicuramente incide anche la pulizia del letto del fiume, perché abbiamo visto trasportare tronchi di alberi ed altri detriti che arrivati al ponte non sono riusciti a passare. Prima il ponte era costruito con delle griglie di ferro per farla uscire l’acqua. Adesso, rifatto in muratura, ostacola il passaggio e diventa quasi una diga".

 

IL CARTELLO - Di ringraziamento da parte dell'edicolante di San Polo

 

“Quando ho visto che il fiume si ingrossava - aveva ricordato - ho avvertito i pompieri della situazione, immaginavo che di lì a poco saremo stati allagati.  Abbiamo tolto le griglie alle fogne; poi però, quando abbiamo visto che non potevamo fare più niente, siamo usciti e siamo andati più su. Non ho parole per ringraziare il paese che è subito intervenuto ad aiutarci”.

 

Oggi l'edicola è pulita e funzionante. Anche grazie all'aiuto che molti hanno dato a Simona. Che, in modo semplice e pieno di gratitudine, ha affisso un cartello al vetro della sua edicola. In cui dice grazie, di cuore, ai tanti che l'hano aiutata.

 

E se c'è una cosa positiva in tutto quello che è accaduto infatti, è che San Polo ha visto confermata la solida tenuta della sua comunità.

ARCHIVIO NOTIZIE