Giovedě 20 settembre 2018  2:26
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
BAGNO A RIPOLI
13.09.2018
h 09:25 Di
Redazione
Il sindaco: "La variante di Grassina si farà. I cantieri devono partire entro gennaio"
Casini: "Non avremmo voluto questa situazione, ma dopo il 40% del tempo la ditta aveva svolto il 4% del lavoro"
immagine

GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) - "La variante di Grassina si farà, i cantieri devono ripartire entro gennaio": parole e... musica del sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini.

 

"Ieri in Comune - scrive il primo cittadino in una nota diffusa sui suoi canali social - abbiamo incontrato i tecnici della Città Metropolitana per fare il punto sulla variante alla Chiantigiana. Ho ribadito che la variante è una priorità strategica per il nostro territorio e la viabilità dell'area a sud est di Firenze, e ho chiesto con forza che si faccia tutto il possibile per far ripartire i cantieri entro la fine dell'anno".

 

"La risoluzione contrattuale con il Consorzio Integra intanto è stata formalizzata - ricorda - e la Città Metropolitana si è impegnata a chiudere in tempi brevi lo stato di consistenza dei lavori, ovvero l'analisi completa di quello che è attualmente il cantiere della variante".

 

"In molti mi chiedono a che punto siamo e perché è stato rescisso il contratto con la ditta - ammette - Non avremmo ovviamente voluto trovarci in questa situazione, ma trascorso il 40% del tempo previsto per la realizzazione dei lavori, la ditta aveva registrato solo il 4% di avanzamento in termini temporali e solo il 2,14% in termini di contabilità economica".

 

"Al di là degli aspetti numerici e tecnici forniti dalla Città Metropolitana che gestisce l’appalto - rimarca - la lentezza nei lavori era sotto gli occhi di tutti. Non solo. Il nuovo cronoprogramma presentato dalla ditta non aveva possibilità oggettive di realizzazione e conteneva nuove problematiche ed aspetti che possono essere definiti quasi come vere e proprie.. provocazioni”.

 

"Tra questi - ricorda - le opzioni di gestione cantiere che prevedevano (solo per citarne uno) un elevatissimo passaggio di mezzi pesanti nel centro abitato di Grassina, non ricevibile per le conseguenze che avrebbe avuto su viabilità e qualità della vita della comunità".

 

"Sono in contatto costante con il sindaco metropolitano Dario Nardella - conclude Casini - e l'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, che condividono l'impegno e quanto me non solo considerano la Variante una priorità ma hanno la volontà di ripartire con il cantiere entro fine anno".

ARCHIVIO NOTIZIE