Venerdì 14 dicembre 2018  17:47
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
SAN CASCIANO V.P.
9.10.2018
h 12:15 Di
Matteo Pucci
"Luigi Venzi strumentalizza una festa di quartiere. Falsità con evidenti mire politiche"
Dura nota del Comune: "Il presidente del Comitato del Gentilino e il M5S denigratori in un video diffuso sui social"
immagine

SAN CASCIANO - I mal di pancia, che covavano da mesi, esplodono fragorosamente dopo la Festa delle Famiglie organizzata dal Comitato del Gentilino sabato 6 ottobre.

 

Ed esplodono in una nota ufficiale, diffusa dall'amministrazione comunale di San Casciano, che critica pesantemente l'operato del presidente del Comitato, Luigi Venzi, accusato di strumentalizzarne l'attività. Con fini politici.

 

 

Del resto che ci fosse una situazione un po'... così, era già noto dalla vigilia. Quando lo stesso Venzi, presentando la festa, aveva detto: "Avevamo chiesto - rimarca - al vicesindaco con delega all’urbanistica se, trattandosi di un piccolo spazio, circa 300 metri quadri, ed essendo a confine di un’area pubblica, poteva essere preso in carico dal Comune, agevolandoci nei costi di gestione, assicurazione e manutenzione, ma purtroppo tale possibilità ci è stata negata".

 

Poi, sempre lo stesso presidente, a margine della Festa, aveva tenuto a sottolineare: "Mi dispiace molto che non sia venuto a salutarci il sindaco Massimiliano Pescini come aveva promesso, peccato gli avremmo regalato volentieri la nostra maglietta #lunionefalaforza!".

 

Ma è stato il video, postato dal MoVimento 5 Stelle San Casciano, con il portavoce del M5s sancascianese Marco Tarducci (in foto a destra, a sinistra Venzi) che, "live" dalla festa, parla insieme allo stesso Venzi, a spingere l'amministrazione comunale sancascianese a diramare una nota. Durissima.

 

E molto probabilmente definitiva per quelli che sono i rapporti fra la giunta e il presidente del Comitato di una delle frazioni più popolose di San Casciano.

 

 

"FALSITA' CON EVIDENTE SCOPO POLITICO"

 

“Riteniamo molto discutibile  - spiega l’amministrazione comunale - l’atteggiamento assunto del presidente del Comitato che ha approfittato della festa, organizzata nei giorni scorsi nel quartiere del Gentilino, iniziativa patrocinata dal Comune e realizzata con il supporto dell’ufficio cultura, per diffondere falsità con un evidente obiettivo propagandistico".

 

"Il presidente del Comitato - rilancia - ha di fatto strumentalizzato un’occasione pubblica nell’intento di soddisfare legittime ed evidenti mire politiche, supportate da un racconto tendenzioso, per nulla corrispondente alla verità dei fatti, lontane ed estranee dagli interessi della collettività”.

 

Sono due, in particolare, le questioni che l’amministrazione comunale sancascianese smentisce.

 

IL TEMA DELLA DISABILITA'

 

“Rispetto al tema della disabilità che per noi è sinonimo di inclusività - proseguono dal palazzo comunale - sono decine e decine gli interventi che ogni mese il Comune realizza grazie anche alla stretta collaborazione delle associazioni di volontariato sociale, dell’Istituto comprensivo, dei circoli, delle società sportive, delle associazioni culturali, delle parrocchie e dei gruppi familiari, con l’intento di sostenere concretamente i diversamente abili e favorire l’accesso agli spazi pubblici e l’inclusione piena nella vita della comunità. Stiamo percorrendo questa strada da anni, impegnandoci a migliorare gli spazi culturali, scolastici e sportivi attraverso la realizzazione di progetti, interventi e opere concrete”.

 

I PASSAGGI URBANISTICI PER IL GIARDINO

 

Riguardo alla disponibilità dello spazio, l’amministrazione comunale precisa che l’area in questione, di proprietà privata, concessa in uso al comitato del Gentilino, "è identificata come terreno agricolo".

 

“Non possiamo intervenire su un terreno del genere se non lo si converte in zona verde inclusa nel territorio urbanizzato - precisa l'amministrazione comunale - e questo è possibile solo attraverso una modifica agli strumenti urbanistici attualmente già avviata".

 

"Considerata la richiesta del Comitato del Gentilino - si sottolinea - ci siamo comunque adoperati per consentire la realizzazione dell’iniziativa; abbiamo infatti consentito la recinzione dell’area agricola al fine di agevolare l’ampliamento delle aree verdi disponibile nel quartiere del Gentilino. Quello della disabilità è un tema serio e complesso".

 

"DISPIACIUTI E RATTRISTATI"

 

"Ci dispiace e ci rattrista - concludono - che venga trattato in un modo davvero indelicato e poco dignitoso. Il video altera la realtà, le persone diversamente abili vivono una situazione diversa da quella dipinta. E’ una mancanza di rispetto e umiltà che non solo offende l’amministrazione comunale ma va a danno della verità con le quali le famiglie del nostro territorio si confrontano ogni giorno”.

 

ARCHIVIO NOTIZIE