Sabato 20 aprile 2019  6:54
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
TAVARNELLE V.P.
20.03.2019
h 10:43 Di
Redazione
Marcialla cancellata da corse Busitalia: chi vuole prenderle dovrà andare a Tavarnelle
Rivoluzione dal 25 marzo: nessun mezzo raggiungerà più il paese (quindi neanche le fermate intermedie)
immagine

MARCIALLA (BARBERINO TAVARNELLE) - La notizia arriva con un avviso affisso: e che dice, in sostanza, che dal 25 marzo la frazione di Marcialla sarà cancellata dal piano del trasporto pubblico locale.

 

In pratica, nessun autobus raggiungerà più Marcialla. Non si potrà, quindi, secendere a quelle che erano le fermate intermedia né, come detto, arrivare in paese.

 

I marciallini che vogliono utilizzare il mezzo pubblico dovranno salire (e scendere) al capolinea di Tavarnelle.

 

La conferma arriva anche dall'ex sindaco di Barberino (oggi responsabile della stesura del programma elettorale per David Baroncelli sindaco di Barberino Tavarnelle), Giacomo Trentanovi, che su Facebook conferma tutto.

 

"Busitalia - scrive Trentanovi - (la vecchia Sita) ha annunciato stamani con cartelli che da lunedi prossimo farà capolinea a Tavarnelle e non più a Marcialla. Personalmente ne sono venuto a conosenza in tarda mattinata da alcuni marciallini che mi hanno segnalato la cosa".

 

"Si tratta di un comportamento inaccettabile - accusa - non si può sospendere così un servizio. Da stamattina ci siamo attivati con le conoscenze e i contatti di questi anni per capire come poter risolvere in tempi immediati il problema che deriva dalla difficoltà degli autosti (lavoratori soggetti al rispetto delle leggi) di continuare a fare manovra in piazza in contromano come ora e vista l'impossibilità di fare il giro della piazza vista la presenza di macchine in divieto di sosta".

 

"La soluzione ipotizzata dall'azienda - conclude - di mettere paletti e catene su tutto il lato non coperto da parcheggi della piazza è orribile, in dicembre scorso si incontrò l'azienda con il Consiglio di Frazione e vigili, proponemmo alcune soluzioni, non so cosa sia successo dopo. Vi terrò aggiornati".

ARCHIVIO NOTIZIE