Luned́ 21 ottobre 2019  12:50
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
SAN CASCIANO V.P.
20.09.2019
h 13:28 Di
Redazione
L'addio a Daniele Bandinelli, la lettera degli amici: "Ci mancherai Dinu"
Giovedì 19 settembre i funerali del 48enne morto domenica scorsa per un infarto: "Potevamo sempre contare su di te"
immagine

SAN CASCIANO - I funerali di Daniele Bandinelli, conosciuto da molti a San Casciano con il soprannome di Dinu, si sono svolti ieri, giovedì 19 settembre, nella chiesa della Propositura di San Casciano.

 

Daniele, 48 anni, ha perso la vita dopo essere stato colto, domenica 15 settembre, da un infarto. Moltissime le persone che si sono strette attorno al dolore della famiglia, ricordandolo con profondo affetto.

 

Nelle parole della lettera aperta che gli amici hanno scritto per lui, un ricordo vivo di Daniele. Che, siamo sicuri, sarà condiviso dai tanti che lo hanno conosciuto.

 

"Daniele, sei stato un amico di quelli veri. Tutti noi potevamo sempre contare su di te: in qualunque situazione ci offrivi supporto con la tua presenza benevola, rassicurante, luminosa.

 

Eri spesso silenzioso, ma le tue parole uscivano sempre giuste, gentili, delicate e rispettose, di tutto e tutti: non giudicavi mai nessuno, ed avevi sempre un abbraccio pronto, quando serviva.

 

Sei stato un viaggiatore, un camminatore, un cittadino del mondo. Andava tutto bene se c’eri tu: sei stato il nostro Saggio supervisore, il nostro amorevole Fratello maggiore.

 

Riuscivi sempre a mantenere la calma, anche quando hai perso il passaporto in Giappone o il volo di ritorno dal Perù.

 

La tua barba era la più bella del mondo e, quando la tagliavi, scherzando, sapevamo che finalmente era arrivata la primavera.

 

Mille i tuoi interessi: la musica, la birra artigianale, la fotografia… e sei stato capace di trasmetterceli semplicemente con l’entusiasmo e la passione che ti animavano.

 

La tua modestia celava conoscenza profonda ed un milione di abilità. Amavi immortalare momenti, mondo ed emozioni, le tue e quelle degli altri, con la tua macchina fotografica. Nelle tue foto ci sono i tuoi occhi, le tue intuizioni, la tua essenza e basterà guardarne una per ritrovartici dentro e perderci nei ricordi.

 

Nessuna cena, nessuna cotta, nessuna vacanza, nessun giorno delle nostre vite sarà mai più lo stesso senza di te. Ognuno di noi ha pianto molte lacrime in questi giorni, ma la realtà è che dobbiamo essere grati di averti conosciuto.

 

Forse avevi già concluso la tua missione in questa vita ed era giunto il tuo momento, ma noi avremmo voluto condividere con te ancora molto e quello che è successo è difficile da accettare.

 

Forse, anche questa volta, volevi camminare davanti a noi, per aspettarci ed evitare, di nuovo, che ci perdessimo.

 

Ci mancherai Dinu".

ARCHIVIO NOTIZIE