Marted́ 10 dicembre 2019  3:46
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
SAN CASCIANO V.P.
2.12.2019
h 09:27 Di
REDAZIONE
"Via Romea Sanese, accordo per la sua tutela e valorizzazione fra 8 Comuni"
Il capogruppo Pd David Malquori: "Stupisce l'astensione dei gruppi Lega e San Casciano Civica"
immagine

SAN CASCIANO - "Un importante punto nell’ultimo consiglio comunale, è stata l’approvazione della convenzione fra otto comuni (Firenze, Impruneta, San Casciano, Barberino Tavarnelle, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Monteriggioni e Siena), per l’esercizio associato delle funzioni in materia di promozione e comunicazione turistica, manutenzione ordinaria e straordinaria, monitoraggio dell’itinerario della Via Romea Sanese".

 

A comunicarlo è David Malquori, capogruppo in consiglio comunale per il Partito democratico: "Un itinerario riconosciuto 10 anni fa dalla Regione, che ha lo scorso luglio aperto un bando per la sua valorizzazione".

 

"Si tratta - spiega - di un percorso di 78 km che ripercorre una delle antiche vie Romee , e che partendo da Firenze giunge a Siena attraversando il nostro Chianti, territorio ricco di storia , paesaggi, cultura e tradizioni di immensa bellezza. E’ un passo importante per il nostro comune ed il nostro territorio, in direzione di un lavoro congiunto ed omogeneo insieme agli altri comuni chiantigiani ed alle due città capoluogo, verso un’ulteriore valorizzazione turistica".

 

"Lo si fa attraverso il modello Slow Travel - rimarca - un modo di essere che punta a godersi il viaggio lento, all’interno ci troviamo anche i cammini di fede o pellegrinaggi: i 78 km della via Romea Sanese, vedono un percorso che da Firenze raggiunge Monteriggioni, dove poi andrebbe ad immettersi sulla più famosa Francigena. Con l’attraversamento anche nelle nostre zone, daremmo la possibilità anche al nostro comune di un ulteriore valore aggiunto, andando a creare ulteriori opportunità per una crescita a livello culturale, tradizioni, paesaggistiche, enogastronomiche, e di ricettività di cui già gode il nostro territorio".

 

"Un percorso turistico/culturale .- rilancia Malquori - ed allo stesso tempo un percorso politico/amministrativo che vede la necessità di continuare nella collaborazione tra comuni ( pensiamo ad esempio a quanto già è partito per quanto concerne la parte dell’informazione turistica, nonché di altre esperienze come quella del distretto rurale del Chianti ) al fine di creare sinergie che dovranno rafforzarsi e potenziarsi".

 

"Un Chianti che deve pensarsi unito in tante sfide - sottolinea - dall’economia, al turismo, alla mobilità ed il trasporto pubblico locale, alla formazione, la sanità, al governo del territorio e la difesa dell’ambiente, e che deve lavorare sempre più in sinergia e ricercare una sua rappresentanza ancora più forte all’interno delle istituzioni. Uno degli elementi molto interessanti di questa convenzione è la possibilità di accedere a dei bandi regionali aperti, volti a finanziare la progettazione di tracciati, redazione mappe, fornitura e posa in opera di segnaletica ad hoc, messa in sicurezza del percorso e realizzazione di punti sosta con una minima compartecipazione (20% su un massimo investimento totale di 100.000.000) richiesta ai comuni".

 

"Quello dei percorsi pedonali - spiega ancora - dello sviluppo dei percorsi escursionistici, della mobilità lenta è un tema che ci sta davvero a cuore, con molte idee per le quali sarà importante, come in questo caso, attenzionare costantemente la possibilità di accedere a vari bandi per poterli realizzare ed accrescerne la diffusione nel nostro territorio".

 

"Per questo - conclude Malquori - sinceramente ci lascia nuovamente stupiti, non aver avuto un voto unanime del consiglio, con l’astensione dei gruppi Lega e San Casciano Civica".

ARCHIVIO NOTIZIE