Martedì 17 luglio 2018  17:03
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
LETTERE E SEGNALAZIONI
16.07.2018
Di
Lettera firmata
"Ho smascherato i ladri in casa mia. Ma adesso ho perso la fiducia"
immagine

Dopo aver smascherato i ladri-truffatori che nei giorni scorsi avevano suonato alla sua porta cercando di mettere a segno l'ormai famosa "truffa dell'acqua", riceviamo e pubblichiamo la lettera della sancascianese protagonista dell'episodio che, con grande amarezza, ci racconta come ci si sente... dopo.

 

Cara redazione, il tentativo della truffa dell’acqua di ieri mi ha invitato a certe considerazioni molto amare, specialmente per un anziano.

 

Prendiamo in esame l’aspetto della visita di uno sconosciuto, non necessariamente un malfattore, e vediamo quali reazioni è in grado di suscitare in me.

 

Primo: non apro la porta ma guardo dalla finestra e chiedo da lì il motivo della sua presenza.

 

Secondo: sono all’erta perché so di essere fragile per l’età e per l’isolamento della casa.

 

Terzo: diffido perché ormai si sa che non si presenta mai nessuno, che non sia il corriere il postino …., con buone intenzioni

 

Quarto: non sono disponibile a nulla e, di fronte a chi avesse davvero bisogno, non crederei una sola parola e gli chiuderei la porta in faccia (metaforicamente perché la porta io non l’apro mai).

 

I ladri e i truffatori mi hanno danneggiata?

 

Certamente, i ladri hanno preso cose mie alle quali tenevo molto e mi hanno privato anche di quelle che non hanno portato via materialmente e che ora contribuiscono al decoro di una cassetta di sicurezza di una banca, dalla quale non escono mai.

 

Mi hanno tolto sicurezze e le hanno rimpiazzate con paura e diffidenza.

 

Ricordo come venivano accolti gli sconosciuti nella mia casa di bambina: nessuno rimaneva sulla porta, tutti venivano inviatati ad entrare e a sedersi. Veniva loro offerto da bere e, solo dopo, veniva chiesto il motivo della visita.

 

Nessun povero usciva a mani vuote e tutti venivano ascoltati con attenzione.

 

Dunque io non ci ho rimesso nulla? Io direi che ci ho rimesso tutto.

 

Lettera firmata

Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti
Devi segnalare un disservizio? "Tirarci le orecchie" per un articolo?
Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua?

Puoi farlo anzi... devi!
Sono tantissime le mail che riceviamo ogni giorno dai nostri lettori: che diventano spunto per articoli oppure vengono pubblicate sul nostro giornale.

Per farlo hai due possibilità:

Scrivi direttamente cliccando sul bottone qui sopra e compilando il "form", che indirizzerà direttamente la tua email alla redazione del Gazzettino del Chianti.

Oppure, puoi scrivere una mail a redazione@gazzettinodelchianti.it
ARCHIVIO LETTERE