Venerd́ 13 dicembre 2019  2:05
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
immagine LA TUA PESA
LA TUA PESA
In collaborazione con
Consorzio Bonifica 3 Medio Valdarno
Identikit

La Tua Pesa: si chiama così questo spazio, pensato dal Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine insieme al Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno (e in collaborazione con Mediovaldarno.it, il giornale online del Consorzio stesso) per dare un luogo speciale a un torrente speciale.

La Pesa (così il nome colloquiale, anche se la dizione giusta sarebbe "il Pesa"), spesso dimenticata ma al centro di gran parte del nostro territorio.

Dal Chianti senese, Radda e Castellina in Chianti, a quello fiorentino (in particolare Barberino Tavarnelle e San Casciano), fino a Montelupo fiorentino. Racconteremo storie, quotidianità, daremo notizie relative alla Pesa.

Siamo partiti dalla recente firma del Contratto di Fiume, una pietra angolare per quello che sarà il futuro della Pesa e della sua valle, per andare a creare un luogo dedicato esclusivamente a "lei" (o "lui"...).

Sarà un luogo di valorizzazione di un bene prezioso: in termini di ambiente, biodiversità, risorsa idrica, cultura, identità. Siamo pronti anche a raccogliere quelli che saranno i vostri spunti, contributi, idee e quant'altro.

Non avete che da indicarceli a redazione@gazzettinodelchianti.it. Del resto, è o non è La Tua Pesa...

LA TUA PESA
16.11.2019
Dissesto idrogeologico. Consorzio e Comuni lavorano lungo la Pesa
immagine

Prevenzione e manutenzione costante, ordinaria e straordinaria, dei fiumi e dei torrenti del Chianti e della Valdelsa.

 

Sono le parole chiave del piano di interventi di rete che il Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno, in stretta collaborazione con i Comuni di Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti e San Casciano che individuano le criticità, mettono in atto in tutto il territorio dell’Unione comunale per arginare e contrastare eventuali problematiche legate al fenomeno del dissesto idraulico e idrogeologico.

 

Grazie ai recenti investimenti, cofinanziati dalla Regione Toscana e dal Ministero dell'Ambiente, per un importo complessivo pari a 150mila euro, è in corso di realizzazione una nuova campagna di tagli selettivi nei corsi d’acqua del Chianti che soprattutto durante la stagione autunnale, a cause delle piogge abbondanti, si gonfiano e causano rischi di esondazione.

 

Le squadre degli operai del Consorzio si sono concentrate nei giorni scorsi lungo gli argini della Pesa, nell’area compresa tra Barberino Tavarnelle e San Casciano, dove hanno eseguito tagli di piante, anche ad alto fusto, secche o malate e hanno provveduto a rimuovere le alberature per evitare di ostruire il passaggio del fiume.

 

L’assessore ai lavori pubblici di San Casciano Niccolò Landi e l’ingegnere Iacopo Manetti del Consorzio di Bonifica Medio 3 Valdarno hanno effettuato un sopralluogo nell’area del Bargino per seguire da vicino le complesse operazioni di manutenzione.

 

 

“Il lavoro di pulizia degli alvei fluviali è fondamentale per prevenire situazioni di criticità in un territorio fragile come il nostro - dichiara l’assessore Niccolò Landi - e si pone ha l’obiettivo di diminuire il materiale flottante nel letto del fiume, lo stesso che può causare fenomeni di esondazione”.

 

A questo scopo sono funzionali anche le briglie realizzate a varie altezze della Pesa, necessarie a rallentare e a ridurre il corso del fiume.

 

“Una briglia che collassa crea l’abbassamento del livello del corso d’acqua verso monte - spiega l’ingegnere - e può interessare anche una struttura di attraversamento come un ponte, i sedimenti lungo il letto del fiume devono essere mobili soprattutto in caso di piena, il fiume in qualche modo una strada se la trova, il nostro impegno è teso a cercare di fargliela trovare preordinata e predefinita”.

 

L’intervento di controllo della vegetazione arborea interessa i torrenti Pesa ed Elsa ed è stato avviato lungo un tratto di quasi 10 km, dalla località Ponterotto, nel comune di San Casciano, fino all'abitato di Sambuca nel comune di Barberino Tavarnelle.



ARCHIVIO RUBRICA