Venerd́ 15 novembre 2019  15:47
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
immagine L'EDITORIALE
L'EDITORIALE
A cura di
Matteo Pucci
Identikit

Amo il mestiere di giornalista, raccontare le storie delle persone, entrare in contatto con realtà che, se la mia vita lavorativa fosse stata diversa, non avrei mai conosciuto. C'è bisogno di rispetto, empatia, curiosità: ormai lo faccio da tanti anni. Ho iniziato come tanti, scrivendo di sport, seguendo le partite dal calcio locale. Poi in questi anni ho lavorato nella carta stampata, sempre nel Chianti. Territorio che penso di conoscere palmo a palmo, strada per strada (anche se poi, ogni giorno, scopro sempre qualcosa di nuovo...). Dal novembre 2012 deciso di credere fermamente nel progetto de Il Gazzettino del Chianti perché penso che il futuro dell'informazione passi in gran parte dal web: per le modalità di fruizione, per i costi insostenibili della carta. Sto scoprendo un mondo affascinante, in cui la contemporaneità della notizia deve sempre andare di pari passo con l'accuratezza. Se volete contattarmi, sottopormi quesiti, criticarmi, scrivete a m.pucci@gazzettinodelchianti.it. Vi risponderò da questa pagina.

L'EDITORIALE
10.11.2019
10 novembre: 2012... 2019. Sette anni di Gazzettino del Chianti
immagine

Sette anni. Sono molti, soprattutto, per un quotidiano online come il nostro. Autonomo e indipendente. 

 

Siamo partiti il 10 novembre 2012 (scegliemmo questa data perché ci sembrava "suonasse" bene, 10-11-12...) e guardandoci alle spalle sentiamo anche un po' di tenerezza per quegli esordi. E vediamo la tanta strada percrosa: con fatica e soddisfazione.

 

Il Gazzettino del Chianti compie infatti oggi, domenica 10 novembre 2019, sette anni di vita. Sette anni di notizie, date ogni giorno, h24, 365 giorni all'anno. In quello che è stato, ed è, un bellissimo percorso di cronaca locale portata sul web.

 

  

 

2012 e 2013

 

Il nostro progetto editoriale è sempre stato chiaro: fare un quotidiano di territorio per il territorio (del Chianti fiorentino, senese, delle colline fiorentine, intese come Bagno a Ripoli e Impruneta). Dieci comuni in tutto: senza derogare.

 

Lavorando sulla qualità, sulla vicinanza ai luoghi che raccontiamo, sulla nostra riconoscibilità, sulla professionalità. Per questo sono stati e sono preziosi tutti i nostri giornalisti, che ringrazio davvero di cuore per la grande passione che ci mettono.

 

Sostenendoci con la pubblicità di aziende locali (che ringraziamo una per una), rifuggendo le forme di pubblicità "pay per click", che inevitabilmente portano a privilegiare la quantità. 

 

Opponendoci da sempre (e rimettendoci di tasca nostra) a pubblicizzare gioco d'azzardo, scommesse sportive, poker online, compro oro, locali di lap dance... . 

 

 

 

2014 e 2015

 

Arriviamo a questi sette anni in grande forma. Ogni anno è cresciuto il numero dei lettori. Quest'anno a fine settembre avevamo già raggiunto i livelli del 2018, quindi anche in questo senso sarà un 2019 splendido.

 

Durante il cammino abbiamo affiancato al Gazzettino due "compagni di viaggio": dall'aprile 2016 WeChianti, il nostro webmagazine in italiano e inglese che parla del Chianti anche a chi ne è fuori.

 

Dal settembre 2017 SportChianti, il nostro... "Gazzettino sportivo". Lo stesso progetto editoriale del Gazzettino concentrato sullo sport locale.

 

  

 

2016 e 2017

 

Oggi possiamo dire che con i nostri tre quotidiani il progetto editoriale è completato. Lavoriamo a migliorarlo e a migliorarci ogni giorno: in questo senso stiamo preparando grandi novità per il 2020 del Gazzettino del Chianti.

 

Come sempre al centro di tutto ci sono i nostri lettori. Ovvero coloro che leggono, si informano, criticano, stimolano, chiedono. Con un rapporto che dire diretto... è riduttivo. Insomma, siamo a "km 0" (come va di moda dire in questi tempi) anche in questo senso.

 

 

 

2018 e 2019

 

Non possiamo che ringraziarli uno a uno. E non possiamo che farlo in un modo: lavorando.

 

Matteo Pucci



ARCHIVIO RUBRICA