mercoledì 25 Novembre 2020
Altre aree

    Piano voucher banda ultra larga: 500 euro alle famiglie a basso reddito per la connettività

    Da spendere sui canoni di abbonamento a servizi di connettività internet e per la fornitura di personal computer o tablet. Nessuno dei "nostri" comuni in lista

    FIRENZE – Un voucher da 500 euro per famiglie a basso reddito residenti in comuni lontani dalle grandi aree urbane da spendere sui canoni di abbonamento a servizi di connettività internet e per la fornitura di personal computer o tablet.

    E’ quanto prevede la fase 1 del Piano voucher banda ultra larga messo in atto dal governo nazionale che ha preso il via lunedì 9 novembre, e che per la Toscana riguarda molte famiglie di ben 135 comuni.

    Nelle scorse settimane Infratel Italia, su incarico del Mise, il Ministero dello Sviluppo economico, ha sviluppato un’intensa interlocuzione con gli operatori telefonici per coordinare l’avvio della misura: strumento importante per la riuscita del Piano voucher in questa fase di emergenza, vista la gravosità della situazione dovuta al covid-19 e alla sempre crescente domanda di servizi e dispositivi per operare in remoto.

    Infratel Italia (Infrastrutture e telecomunicazioni per l’Italia Spa, ndr) è una società in-house del ministero dello Sviluppo economico e fa parte del gruppo Invitalia. Operativa dal 2005, è il soggetto attuatore dei piani di banda larga ed ultra larga del governo.

    Il suo obiettivo è intervenire nelle aree a fallimento di mercato attraverso la realizzazione e l’integrazione di infrastrutture a banda larga ed ultra larga azioni capaci di estendere le opportunità di accesso a internet veloce per cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni.

    Il Mise, attraverso Infratel Italia, implementa le misure definite nella strategia nazionale per la banda ultralarga con l’obiettivo di contribuire a ridurre il gap infrastrutturale e di mercato esistente, attraverso la creazione di condizioni favorevoli allo sviluppo integrato delle infrastrutture di telecomunicazione.

    “E’ una misura messa in campo dal governo con 5 milioni di euro a disposizione per sostenere la possibilità di connettività dei cittadini in aree montane o disagiate, che in termini commerciali vengono definite “aree bianche” dagli operatori del settore e che invece hanno lo stesso diritto ed esigenza di comunicazione delle grandi città”, afferma l’assessore regionale alle infrastrutture digitali, Stefano Ciuoffo.

    “Il contributo  – prosegue Ciuoffo – è riservato a famiglie con un Isee inferiore a 20 mila euro se residenti nei comuni delle aree suddette, che in Toscana sono 135. L’accesso a servizi a banda larga ed ultra larga è essenziale per lo sviluppo e la competitività di un moderno sistema economico, basato sulla conoscenza e sullo scambio veloce ed efficiente di dati ed informazioni e per eliminare il digital divide delle aree sottoutilizzate del Paese. Ed oggi che lo smart-working e la didattica a distanza stanno diventando un obbligo per contenere il virus, risulta ancora più importante velocizzare questo processo”.

    Ben 135 i comuni toscani in cui si potrà fare domanda: in modo anche beffardo nessuno del territorio chiantigiano. E pensiamo a comuni come Gaiole, Radda, Castellina in Chianti per esempio… .

    “Per questo – rilancia l’assessore Ciuoffo – che il nostro impegno sarà costante, sia nell’interlocuzione con il governo che nei confronti degli operatori. Con questa misura la regione Toscana ha chiesto di intervenire con maggior riguardo verso le periferie, sia territoriali che sociali”.

    I comuni toscani nei quali si può far domanda sono i seguenti

    • Città metropolitana di Firenze: Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Firenzuola, Londa, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull’Arno, Rufina, San Godenzo, Scarperia e San Piero, Vicchio.

    • Provincia di Arezzo: Anghiari, Badia Tedalda, Bibbiena, Caprese Michelangelo, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Loro Ciuffenna, Montemignaio, Monterchi, Ortignano Raggiolo, Pieve Santo Stefano, Poppi, Pratovecchio Stia, Sansepolcro, Sestino, Talla.

    • Provincia di Grosseto: Arcidosso, Campagnatico, Castel del Piano, Castell’Azzara, Cinigiano, Civitella Paganico, Gavorrano, Isola del Giglio, Magliano in Toscana, Manciano, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri,Pitigliano, Roccalbegna, Roccastrada, Santa Fiora, Scansano, Scarlino, Seggiano, Semproniano, Sorano.

    • Provincia di Livorno: Campo nell’Elba, Capoliveri, Capraia Isola, Marciana, Marciana Marina, Porto Azzurro, Portoferraio, Rio.

    • Provincia di Lucca: Bagni di Lucca, Barga, Borgo a Mozzano, Camporgiano, Careggine, Castelnuovo di Garfagnana, Castiglione di Garfagnana; Coreglia Antelminelli, Fabbriche di Vergemoli, Fosciandora, Gallicano, Minucciano, Molazzana, Pescaglia, Piazza al Serchio, Pieve Fosciana, San Romano in Garfagnana, Sillano Giuncugnano, Vagli Sotto, Villa Collemandina.

    • Provincia Massa Carrara: Aulla, Bagnone, Casola in Lunigiana, Comano, Filattiera, Fivizzano, Fosdinovo, Licciana Nardi, Mulazzo, Podenzana, Pontremoli, Tresana, Villafranca in Lunigiana, Zeri.

    • Provincia di Pisa: Castelnuovo di Val di Cecina, Fauglia,Montecatini Val di Cecina, Montescudaio, Monteverdi Marittimo, Pomarance, Volterra.

    • Provincia di Pistoia: Abetone Cutigliano, Marliana, Sambuca Pistoiese, San Marcello Piteglio.

    • Provincia di Prato: Cantagallo, Carmignano, Vaiano, Vernio.

    • Provincia di Siena: Abbadia San Salvatore, Buonconvento, Casole d’Elsa, Castiglione d’Orcia, Cetona, Chianciano Terme, Chiusdino, Chiusi, Montalcino, Montepulciano, Monticiano, Murlo, Piancastagnaio, Pienza, Radicofani, Radicondoli, San Casciano dei Bagni, San Quirico d’Orcia, Sarteano, Sinalunga, Sovicille, Torrita di Siena, Trequanda.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...