spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 4 Giugno 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img
    Array

    Due ciliegie e un picciolo

    Oggi voglio iniziare a parlarvi dell’argomento più discusso, ambito, sognato, misterioso ed imprevedibile che l’uomo possa incontrare nel suo cammino: l’amore.

     

    Ha cambiato il corso della storia, ha ingentilito le personalità più rigide, ha creato scandali internazionali, ma più che altro ha fatto battere i cuori ai nostri genitori, incuriosito i bambini nei banchi delle scuole primarie, contorto l’anima degli adolescenti irrequieti, appassionato giovani adulti, fatto concepire piccoli pargoletti, accompagnato serenamente dalla vita alla morte…ma anche straziato di dolore!

     

    Ma che cos’è e da dove nasce questo strano sentimento?

     

    Tuttora rimane sconosciuto e poco indagabile, si conoscono e si osservano gli effetti che produce, che nel periodo dell’innamoramento assumono forme quasi paragonabili alla patologia mentale (morbosità, ossessività, inosservanza degli altri, onnipotenza..), fino ad arrivare a inserirsi in un progetto di vita vera e propria.

     

    Purtroppo questa condizione da noi tutti bramata e ambita, non sempre assume forme sane e costruttive, ma sempre più spesso si osservano situazioni amorose che degenerano in altro.
    Infatti, nella mia pratica clinica osservo disturbi derivati da relazioni sbagliate, mal d’amori che producono stati depressivo-ansiosi.

     

    Come difendersi o prepararsi a vivere un amore sano?

     

    Iniziando a sfatare un luogo comune, “l’amore sono due metà di una mela”, esponendosi subito a quello che è il pericolo maggiore, la perdita d’identità e nei casi più gravi la simbiosi!

     

    E quando finisce l’amore, l’altra metà di mela non può più vivere.

     

    In realtà due persone innamorate possono essere immaginate come due ciliegie unite da un unico picciolo, condividono un percorso di vita, bisogni, interessi, ma rimangono entità separate, in continua evoluzione, che proprio nello scambio amoroso crescono e si confrontano quotidianamente.

     

    E la vita con l’amore non finisce mai, si subisce la perdita di una ciliegia, ma l’altra ciliegia continua a vivere col suo picciolo, in attesa di essere riunita ad un’altra ciliegia!

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...