Luned́ 14 ottobre 2019  11:17
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
IMPRUNETA
14.10.2019
h 11:07 Di
REDAZIONE
Domenica 27 ottobre la Santa Messa delle 11 a Tavarnuzze si celebra in piazza
Il Gruppo Giovani della parrocchia: "Come ha scritto Papa Francesco... per rinnovare l'ardore e la passione"
immagine

TAVARNUZZE (IMPRUNETA) - Domenica 27 ottobre la Santa Messa delle 11, a Tavarnuzze, si terrà in piazza don Chellini.

 

"Perché questa novità? - dicono i ragazzi del Gruppo Giovani della parrocchia tavarnuzzina - Cosa porta i fedeli tavarnuzzini ad uscire dalla propria chiesa e scendere in piazza? Eccovi spiegato il perché: in occasione dei 100 anni dalla Lettera Apostolica Maximum Illud di Papa Benedetto XV, per “risvegliare maggiormente la consapevolezza della missio ad gentes e di riprendere con nuovo slancio la trasformazione missionaria della vita e della pastorale”, Papa Francesco ha indetto il Mese Missionario Straordinario".

 

“Per rinnovare l’ardore e la passione - scrive Papa Francesco - motore spirituale dell’attività apostolica di innumerevoli santi e martiri missionari, ho accolto con molto favore la vostra proposta, elaborata assieme alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, di indire un tempo straordinario di preghiera e riflessione sulla missio ad gentes. Chiederò a tutta la Chiesa di dedicare il mese di ottobre dell’anno 2019 a questa finalità, perché in quell’anno celebreremo il centenario della Lettera Apostolica Maximum illud, del Papa Benedetto XV”. Con l’indizione di questo mese missionario straordinario, l’intento di papa Francesco è di “risvegliare maggiormente la consapevolezza della missio ad gentes e di riprendere con nuovo slancio la trasformazione missionaria della vita e della pastorale”.

 

"Quattro - rimarcano i ragazzi del Gruppo Giovani - sono le dimensioni indicate dal Papa per vivere più intensamente il cammino di preparazione e realizzazione del Mese: Incontro personale con Gesù Cristo vivo nella sua Chiesa: Eucaristia, Parola di Dio, preghiera personale e comunitaria. La testimonianza: i santi, i martiri della missione e i confessori della fede, espressione delle Chiese sparse nel mondo intero. La formazione missionaria: scrittura, catechesi, spiritualità e teologia. La carità missionaria".

 

"Tavarnuzze - spiegano ancora in conclusione - ha deciso di rispondere così all'invito di Papa Francesco: una chiesa in uscita che si avvicina al popolo pregando nella piazza del paese. A nome del consiglio pastorale, del parroco e di tutti i fedeli, invitiamo quindi tutti a partecipare alla Messa di Domenica 27 alle 11 in piazza don Chellini per celebrare con noi il mese missionario".

ARCHIVIO NOTIZIE