Sabato 16 dicembre 2017  0:30
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
CHIANTI F.NO
7.12.2017
h 09:40 Di
Redazione
Rei, reddito di inclusione. La domanda va presentata agli uffici Urp dei comuni
Beneficio destinato alle famiglie in condizioni economiche disagiate e oscilla tra i 187,50 e i 485,41 euro mensili
immagine

CHIANTI FIORENTINO - E’ possibile presentare ai comuni dell’Unione comunale del Chianti fiorentino la domanda per accedere al reddito di inclusione.

 

Il Rei è una misura di contrasto alla povertà della durata di 18 mesi e prevede l’erogazione, dal 1° gennaio 2018, di un beneficio economico da 187,50 a 485,41 euro mensili. E’ prorogabile di ulteriori 12 mesi con un intervallo, tra i due periodi, di non meno di 6 mesi.

 

Il beneficio è destinato alle famiglie in condizioni economiche disagiate nelle quali almeno un componente sia minorenne oppure vi sia presenza di una persona con disabilità o di una donna in stato di gravidanza accertata o di un componente del nucleo che abbia compiuto 55 anni.

 

Ai beneficiari è corrisposto il sussidio, ma subordinato dalla sottoscrizione di un progetto personalizzato di attivazione e inclusione sociale e lavorativa predisposto dalle assistenti sociali, in collaborazione con gli altri servizi del territorio (Centri per l’Impiego, servizi sanitari, scuole, nonché soggetti privati ed enti no profit). Il progetto viene costruito insieme al nucleo familiare sulla base di una valutazione delle problematiche e dei bisogni.

 

Tale valutazione prende in esame le condizioni personali e sociali, economiche, lavorative, abitative, l’educazione, l’istruzione, la formazione e la rete familiare e sociale.

 

Per ottenere il reddito occorre avere almeno uno dei seguenti requisiti: presenza di un minorenne, presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore o tutore, presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (da almeno 4 mesi), presenza di un componente che abbia compiuto 55 anni con specifici requisiti di disoccupazione.

 

Occorre inoltre che il cittadino dell’unione o suo familiare sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, sia residente in Italia in via continuativa da almeno 2 anni, abbia un valore Isee non superiore a 6.000 euro, abbia un valore Isre non superiore a 3.000 euro, abbia un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro e un valore del patrimonio mobiliare non superiore a 10.000 euro (ridotto a 8.000 per la coppia e a 6.000 per la persona singola),  non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria, non possegga autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta, non abbia navi e imbarcazioni da diporto.

 

Per ottenerlo è necessario presentare il modulo di domanda predisposto e debitamente compilato, copia del documento di identità valido, copia del permesso di soggiorno (nel caso in cui fosse necessario), documentazione medica, rilasciata da struttura pubblica, che attesa l’eventuale stato di gravidanza accertata.

 

Coloro che già usufruiscono del Sia continueranno a ricevere il beneficio fino alla sua scadenza, e, a partire dal 1° gennaio 2018, potranno prelevare entro un limite di 240 euro.

 

Chi desidera effettuare il passaggio, dovrà possedere comunque i requisiti richiesti e la durata del Rei verrà ridotta del numero di mesi per i quali è stato percepito il Sia. Chi invece vuole continuare a percepire il Sia fino all’avente diritto e solo dopo presentare la domanda di Rei, deve sapere che la durata del contributo sarebbe di massimo 6 mesi (in questo modo si vuole assicurare una copertura complessiva del beneficio non superiore ai 18 mesi).

 

Le domande possono essere presentate agli Uffici Urp dei Comuni di Barberino (055 8052245), Greve in Chianti (055 8545243/254/210) San Casciano (055 8256224) e Tavarnelle (055 8050838).

ARCHIVIO NOTIZIE