Luned́ 16 dicembre 2019  4:02
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
SAN CASCIANO V.P.
23.01.2018
h 12:11 Di
Redazione
Premio Letterario Chianti, presentati i sei finalisti: cinque uomini e una donna
Durante una serata con il Rotary San Casciano-Chianti a Villa Le Corti: tutte le date degli incontri con gli autori
immagine

SAN CASCIANO - Sono Silvia Bencivelli con “Le mie amiche streghe” (Einaudi), Emiliano Gucci (“Voi due senza di me”, Feltrinelli), Matteo Melchiorre (“La via di Schèner”, Marsilio), Raul Montanari (“Sempre più vicino”, Baldini e Castoldi), Alberto Rollo (“Un'educazione milanese”, Manni) e Giampaolo Simi (“La ragazza sbagliata”, Sellerio) i sei finalisti della 31esima edizione del Premio Letterario Chianti.

 

Gli autori sono stati selezionati dal comitato tecnico, coordinato da Giuseppe Panella e composto da Paolo Codazzi, Silvia Martelli (rappresentante del Comune di Greve in Chianti), Cecilia Bordone (per il Comune di San Casciano), Maria Rosa Fabiani (Comune di Radda in Chianti), Paolo Santagati (Tavarnelle e Barberino Val d'Elsa), Andrea Pucci (assessore alla cultura del Comune di Castellina in Chianti), Deborah Montagnani (Gaiole in Chianti).

 

La selezione, presentata lunedì 22 gennaio a Villa Le Corti su iniziativa del Rotary San Casciano-Chianti dal presidente Claudio Pellicoro ("Una partnership - ha spiegato - che entra appieno nel nostro anno, dedicato alla cultura e ai giovani") e dai sindaci di Greve in Chianti e San Casciano, è stata operata su volumi di narrativa editi dal 1 luglio 2016 al 30 giugno 2017.

 

"Quest'anno - ha spiegato il professor Panella - siamo riusciti a coinvolgere il meglio dell'editoria italiana, editori di pregio, di livello, e opere di livello. La scrematura è stata difficile: la giuria tecnica ha un compito gravoso poiché deve individuare delle opere con caratteristiche di originalità di proposta, qualità stilistica e leggibilità. Quest'anno abbiamo voluto privilegiare testi che diano il grande piacere del leggere".

 

"C'è stata discussione attenta e dettagliata sulle opere - ha concluso - Sono sei romanzi molto diversi, poiché il nostro obiettivo era quello di offrire una variegata scelta ai lettori. In Italia si legge sempre di meno e si pubblica sempre di più: cogliere il livello qualitativo è quindi sempre più difficile. Obiettivo de premio è sempre stato quello di mostrare dove sta andando la letteratura italiana".

 

 

"Un saluto di gratitudine - ha detto il sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini - al Rotary Club San Casciano-Chianti. Per un Premio che vede coinvolti tutti i comuni e, soprattutto, centinaia e centinaia di lettori".


"Questo - ha tenuto a dire il sindaco di Greve, Paolo Sottani - è un progetto di tutta l'area Chianti. Per un premio che ha avuto come vincitori scrittori prestigiosi. È uno dei pochi premi in cui l'autore incontra direttamente i lettori-giurati. Una opportunità unica. Faccio un appello anche di coinvolgere un maggior numero di giovani".

 

Gli autori dei testi selezionati presenteranno il proprio libro alla giuria dei lettori, composta di oltre 350 membri, in incontri che si terranno di sabato, alle 17, nei mesi di febbraio, marzo, aprile e maggio 2018, presso luoghi storici del Chianti.

 

La cerimonia finale, con le votazioni che decreteranno il vincitore del Premio, avverrà nel mese di maggio 2018.

 

Il Premio è stato ideato dallo scrittore Paolo Codazzi nel 1987 e fondato in collaborazione tra il Comune di Greve in Chianti e l'associazione culturale Stazione di Posta.

 

"Trentun anni - ha detto Codazzi - più di 150 autori presentati, 30mila copie di libri acquistati dai lettori a un prezzo "politico", gratis per gli under 35. Un coinvolgimento unico a livello territoriale, istituzionale, umano, con i lettori "reclutati" nelle biblioteche. Un rapporto di interazione con l'autore molto stimolante. Poi la cerimonia reale con la scheda di preferenza dei lettori e lo spoglio in tempo reale. È una festa popolare nell'accezione nobile del termine".

 

E' sponsorizzato e promosso da nove Comuni del Chianti fiorentino e senese (Greve, Castellina, Castelnuovo Berardenga, Gaiole, Radda, Barberino Val d'Elsa, Impruneta, San Casciano, Tavarnelle) e dalla rivista Stazione di posta, con il contributo di Rotary San Casciano-Chianti, Coop, Banca di Cambiano, Società di mutuo soccorso fratellanza di Greve in Chianti.

 

La manifestazione ha il patrocinio della Città Metropolitana di Firenze e della Provincia di Siena. Il Premio è riconosciuto come come “Manifestazione inserita dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali tra quelle di Rilievo Nazionale in ambito al Progetto "Italia Pianeta Libri" .

 

Coloro che vogliono partecipare al Premio in qualità di lettori giurati si iscrivono presso le Biblioteche accreditate dei Comuni. Qui i libri selezionati vengono acquistati a prezzo scontato. I giovani che hanno meno di 35 anni non pagano la quota di iscrizione e ricevono i libri gratuitamente.

 

Si crea così una carovana itinerante della cultura, tra il gusto della lettura e il piacere del paesaggio e dei sapori del Chianti.

 

Il calendario degli incontri prevede i seguenti appuntamenti, tutti alle ore 17: sabato 24 febbraio, Fattoria Castello di Verrazzano (Greve in Chianti, via Citille, 32 a, in località Greti), Raul Montanari.

 

Sabato 10 marzo, Cinema Italia, Castellina in Chianti: Emiliano Gucci; sabato 24 marzo, Società Filarmonica, Gaiole in Chianti, Giampaolo Simi; sabato 14 aprile, Cinema Comunal, Radda in Chianti, Alberto Rollo; sabato 28 aprile, Teatro Niccolini San Casciano Matteo Melchiorre; sabato 12 maggio, Teatro Filarmonica G. Verdi, San Donato in Poggio, Silvia Bencivelli.

 

La cerimonia finale con le votazioni dei 350 giurati popolari che decreteranno il vincitore si svolgerà sabato 26 maggio 2018, alle 17, alla Fattoria Castello di Verrazzano.

 

Al vincitore verrà attribuito un riconoscimento di 2.000 euro. Un contributo di 1.000 euro agli altri autori e a tutti la consegna della riproduzione bronzea del dipinto "Allegoria del Chianti" di Giorgio Vasari, opera del maestro orafo Mauro Bandinelli.

ARCHIVIO NOTIZIE