Venerdì 17 gennaio 2020  20:15
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
BAGNO A RIPOLI
14.01.2020
h 15:37 Di
SILVIA RABATTI
Furti alla scuola primaria "Marconi", la preside: "Come sparare sulla Croce Rossa"
Dopo l'ultimo episodio: "Purtroppo una realtà con cui dobbiamo convivere. Misure di allarme da ripensare"
immagine

GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) - Il giorno dopo il furto con scasso ai danni della scuola primaria "Guglielmo Marconi" dell’Istituto Comprensivo Statale “Antonino Caponnetto”, di via Liliano e Meoli, a Grassina, la dirigente scolastica Maria Luisa Rainaldi rende noto alle famiglie ed alla comunità intera quanto sia necessario proteggere adeguatamente gli ambienti scolastici.

 

"Purtroppo - dice Rainaldi - i furti nelle scuole sono diventati una realtà con la quale dobbiamo fare i conti, per tanti motivi. L'anno scorso non so nemmeno io quante "visite" abbiamo avuto, pensavo che quest'anno togliendo le macchine erogatrici di merendine avessimo risolto".

 

"In parte - riprende Rainaldi - la crescita della dotazione informatica fa sicuramente gola ai malintenzionati, però francamente sottrarre materiale didattico alle scuole è come sparare sulla croce rossa".

 

"Si tratta - rimarca la dirigente scolastica - di attrezzatura che per noi è diventata cruciale per una didattica innovativa, tra l'altro quella portata via l'avevamo reperita con i punti della coop. A questo si aggiungono i danni riportati dalla struttura per l'intrusione".

 

"Mi auguro - conclude Rainaldi - che gli autori abbiano un rigurgito di presa di coscienza. Purtroppo le misure di prevenzione e di allarme sono diventate insufficienti e secondo me vanno ripensate. Sono consapevole che questo comporti un aggravio di spesa per l'Ente Locale e quindi dei contribuenti, mi spiace, per questo dico che è come sparare sulla Croce Rossa".

 

Nella notte tra domenica e lunedì 13 gennaio la scuola, lo ricordiamo, ha subito l’intrusione dei ladri che hanno reciso la rete del giardino antistante, entrando poi attraverso una finestra nell’edificio e portando via del materiale didattico. 

ARCHIVIO NOTIZIE