Mercoledž 29 marzo 2017  1:26
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
BAGNO A RIPOLI
27.03.2017
h 13:21 Di
Redazione
Nuova pista ciclabile Bagno a Ripoli-Firenze: 220.000 euro di investimento
In arrivo dal bando per le periferie del Governo: progetto in fase definitiva ed esecutiva
immagine

BAGNO A RIPOLI - Bagno a Ripoli e Firenze saranno sempre più connessi per gli amanti delle due ruote, grazie alla nuova pista pedociclabile che collegherà il centro abitato al capoluogo di regione.

 

Il lungo percorso per pedoni e ciclisti è uno dei progetti candidati dall'amministrazione comunale di Bagno a Ripoli al bando periferie.

 

Il progetto è già in fase definitiva ed esecutiva e prevede la ricucitura dei percorsi ciclopedonali già esistenti alla pista ciclabile di viale Europa e Sorgane, creando in tal modo una sorta di linea verde che da via Perosi arriva fino a Firenze.

 

L'investimento ammonta complessivamente a 220.000 euro. In particolare, sarà completamente ristrutturata via Amendola, con la ridefinizione degli spazi pedonali, di sosta e della carreggiata e la creazione di una “zona 30”, che prevede l'inserimento della pista ciclabile nella sede stradale. Inoltre, sarà realizzata una pista ciclopedonale all'interno dell'area verde “Rosso Fiorentino”, che collegherà la scuola media Granacci al centro abitato.

 

Altro intervento riguarda il collegamento pedociclabile tra il parcheggio dei Ponti e il Gobetti-Volta, grazie all'attraversamento di via Roma.

 

“Sarà una grande opera di ricucitura - dice il sindaco Francesco Casini - sulle nostre piste ciclabili niente più salti e interruzioni di percorso per chi usa la bicicletta. Con questo intervento avremo finalmente una viabilità appositamente dedicata ai ciclisti, in continuità e in sicurezza, e compiremo anche un sensibile progresso a favore di quella mobilità verde e sostenibile alla quale da sempre teniamo".

 

"Sono tanti - conclude - i pendolari che quotidianamente viaggiano tra Bagno a Ripoli e Firenze e viceversa. Ad opera conclusa, essi, oltre al trasporto pubblico, potranno utilizzare anche la bicicletta. E sarà un bene per tutti: collettivo, per l'ambiente, e individuale, per la salute e la forma fisica”.

ARCHIVIO NOTIZIE