spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “L’ombra di Caravaggio” al cinema Antella: il film diretto da Michele Placido ispirato alla vita dell’artista

    La pellicola sarà proiettata venerdì 2 dicembre, sabato 3 dicembre alle ore 21.30 e domenica 4 dicembre alle ore 17.00 e 21.30

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – “L’ombra di Caravaggio” protagonista al cinema Antella.

    La pellicola sarà proiettata venerdì 2 dicembre, sabato 3 dicembre alle ore 21.30 e domenica 4 dicembre alle ore 17.00 e 21.30. Italia, anno 1600.

    Michelangelo Merisi alias Caravaggio (interpretato da Riccardo Scamarcio) è un artista geniale e ribelle nei confronti delle regole imposte dal Concilio di Trento.

    Dopo aver appreso che Caravaggio inseriva nei suoi dipinti sacri prostitute, ladri e vagabondi, Papa Paolo V decide di commissionare ad un agente segreto del Vaticano un’indagine per decidere se concedere o meno la grazia che il pittore chiedeva dopo la sentenza di condanna a morte per aver ucciso un rivale d’amore durante un duello.

    Così l’Ombra, nome dell’investigatore, avvia la sua inchiesta sul pittore che, con la sua arte, affascina, sconvolge e sovverte.

    Nel cast anche molti altri attori italiani: Michele Placido anche in veste di direttore, Alessandro Haber, Micaela Ramazzotti, Vinicio Marchioni.

    La programmazione cinematografica del Cinema Antella si svolge con il patrocinio del Comune.

    Il venerdì e la  domenica: pizza + bevuta + cinema: 16 euro.

    Il Cinema Antella si trova presso il C.R.C. Antella in via di Pulicciano 53 all’Antella. Info: 055621207.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...