mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Inaugurato L’Ecocentro di Pontenuovo, dal 1° ottobre attivo anche l’Ecofurgone itinerante

    Due nuovi strumenti nella gestione ambientale dei rifiuti sul territorio di Barberino Tavarnelle all'insegna della sostenibilità del territorio e della riduzione dei costi di smaltimento

    BARBERINO TAVARNELLE –  Sabato 26 settembre è stato inaugurato l’Ecocentro di Pontenuovo alla presenza del sindaco David Baroncelli e dell’assessore all’Ambiente Serena Fedi e dei rappresentanti di Alia Servizi Ambientali SpA, Domenico Scamardella, direttore territoriale di Alia Servizi Ambientali SpA, e Federica Lombardini, responsabile dei Centri di Raccolta Alia Servizi Ambientali SpA.

    L’Ecocentro situato in località Pontenuovo a Sambuca Val di Pesa (via Michelangelo), frutto di un investimento pari a 200mila euro, fanno sapere, è uno spazio attrezzato per raccogliere rifiuti che, per dimensioni, tipo o quantità non possono essere introdotti nei cassonetti stradali o raccolti con il servizio porta a porta.

    “Si tratta di rifiuti particolari, ingombranti, pericolosi e non, tra cui batterie auto e moto, carta e cartone, grandi e piccoli elettrodomestici, indumenti usati, inerti, ingombranti, lampade e neon, legno, metallo, oli e grassi commestibili e/o minerali, pile, plastica, pneumatici fuori uso, sfalci e potature, toner, TV e monitor, vernici/acidi/solventi, vetro” fanno sapere da Alia.

    “La struttura sarà aperta nei seguenti orari: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 7.30 alle 13.30; martedì, giovedì e sabato dalle 13.30 alle 19.30” comunicano ancora da Alia.

    “Ogni cittadino può contribuire ad una corretta gestione ambientale conferendo i propri rifiuti senza alcun costo nell’Ecocentro di Pontenuovo – spiega il sindaco David Baroncelli – il vantaggio non è solo individuale ma collettivo: se praticato con consapevolezza e responsabilità, lo smaltimento dei rifiuti determina benefici considerevoli alla qualità ambientale e alla vivibilità del luogo in cui abitiamo”.

    “L’attivazione dei servizi presenti in quest’area – spiega il sindaco – non solo permette di migliorare la sostenibilità del territorio, attraverso una pratica attenta e virtuosa della raccolta differenziata, ma riduce anche i costi di smaltimento”.

    “Il funzionamento della nuova struttura è fondamentale per mantenere pulizia e decoro nell’ambiente circostante – aggiunge l’assessore all’Ambiente Serena Fedi – è un intervento altresì utile a contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti purtroppo ancora presente nelle aree pubbliche e di campagna di Barberino Tavarnelle”.

    “L’Ecocentro di Pontenuovo – dichiara Domenico Scamardella, direttore territoriale di Alia Servizi Ambientali SpA – permette ai cittadini di conferire tutti quei materiali che, per caratteristiche e dimensioni non vanno al servizio di raccolta stradale, migliorando qualità e quantità dei materiali avviati a riciclo”.

    “Barberino e Tavarnelle, la cui raccolta differenziata nel 2019 si è attestata al 67% – aggiunge Scamardella – con la riapertura dell’Ecocentro può incrementare questo numero, rispondendo all’esigenza dei cittadini di avere una struttura dedicata ad accogliere in sicurezza rifiuti anche pericolosi o ingombranti.”

    “Contemporaneamente all’apertura dell’Ecocentro sarà ampliata e resa più capillare la presenza dell’Ecofurgone nel territorio di Barberino Tavarnelle – fanno sapere da Alia – nel 2019 tale servizio ha registrato un’affluenza significativa. Sono stati oltre 1.600 gli utenti che vi si sono rivolti con una media di circa 140 persone al mese”.

    “Il servizio mette a disposizione un veicolo attrezzato che permette ai cittadini di gestire rifiuti particolari”non conferibili con sistemi di raccolta stradale – spiegano ancora da Alia – le sei nuove postazioni previste, attive dal 1° ottobre, sono a disposizione per accogliere olio vegetale (olio da cucina di cottura e di conservazione), lampade e tubi al neon, vernici in barattolo e bombolette spray, toner e cartucce stampanti, pile e batterie, piccoli elettrodomestici (radio, cellulari, phon, tostapane, utensili elettrici, frullatori, etc.), farmaci scaduti, solventi, pesticidi, acidi”.

    “L’Ecofurgone – presidiato fanno sapere da personale specializzato di Alia Spa – sarà presente in piazza Mazzini a Barberino Val d’Elsa il terzo giovedì del mese 8.00 – 10.30, in piazza Brandi a Marcialla il terzo giovedì del mese 11.00 – 12.30, in piazza Matteotti (area mercato) a Tavarnelle il quarto giovedì del mese 8.00 – 10.30, in via Giovanni XXIII (zona giardini pubblici) a Sambuca Val di Pesa il quarto giovedì del mese 11.00 – 12.30, in piazza del Pozzo Nuovo a San Donato in Poggio il quarto venerdì del mese 8.00 – 10.30, in piazza Torrigiani a Vico d’Elsa il quarto venerdì del mese 11.00 – 12.30”.

    Per informazioni www.aliaserviziambientali.it oppure contattare il call center, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30 e il sabato dalle 8.30 alle 14.30, con i tre numeri 800 888 333 (da rete fissa, gratuito) o 199 105 105 (da rete mobile, a pagamento, secondo i piani tariffari del proprio gestore), 0571.196 93 33 (da rete fissa e rete mobile).

     

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...