spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’annuncio ufficiale: la Banca di Cambiano è diventata una SpA dall’1 gennaio

    Le parole del presidente Regini e del dg Bosio: "Una sfida che abbiamo raccolto e intrapreso con forza"

    FIRENZE – Giovedì 12 gennaio l'annuncio ufficiale: dal primo gennaio la Banca di Cambiano è diventata Società per Azioni, con la denominazione Banca Cambiano 1884 S.p.A. e rappresenta il primo caso a livello nazionale di way out previsto dalla legge sul credito cooperativo per le bcc che detengono un patrimonio superiore ai 200 milioni di euro.

     

    Il percorso ha avuto luogo con una complessa operazione societaria, che ha ottenuto l’assenso da parte della Banca Centrale Europea e della Banca d’Italia ed ha riportato il voto unanime dei Soci e si è concluso con il conferimento a Banca Agci S.p.A. di tutti gli  asset attivi e passivi della Cambiano a valere dall'1 gennauo.

     

    La società conferente, la ex Bcc di Cambiano ha assunto la denominazione sociale di Ente Cambiano scpa che mantiene la natura a  mutualità prevalente e  si configura, come previsto dalla legge, come capogruppo bancaria., e pertanto ricompresa sotto la vigilanza di Banca d'Italia,  con  il 92,58% del capitale della nuova banca SpA La sede sociale e la direzione generale si sono spostate  a Firenze, mentre la struttura operativa centrale permarrà a Castelfiorentino.

     

    "La scelta della way out – si legge in una nota – è stata compiuta in coerenza con la posizione assunta dalla Cambiano dalla fine degli anni ’70 del secolo scorso quando si distaccò dalle strutture federative del credito cooperativo non condividendone le linee gestionali, le strategie ed i costi connessi. L’evoluzione delle normative, le cresciute dimensioni operative necessarie e le dinamiche di mercato hanno progressivamente visto confermata la validità della scelta del distacco adottata. La lunga datazione della posizione di autonomia della Cambiano, che ha comportato conseguenti scelte di tipo organizzativo e strategico,  sta alla base della scelta di tipo industriale compiuta con la way out. Una coerenza che si è manifestata scegliendo la way out resa possibile dalla legge di riforma del credito cooperativo".

     

    “La voglia di tenere alta la bandiera dell’indipendenza – sono state le parole del presidente Paolo Regini – è stata ed è la prima, ma non l’unica, ragione che ha spinto la Bcc di Cambiano, avendo i requisiti necessari,  a scegliere la strada dell’autonomia rifiutando di reimmettersi nel nuovo gruppo nazionale egemonizzato dalla Federcasse, o in altre analoghe strutture nascenti ad opera di altre componenti del sistema delle Bcc, come previsto dalla riforma".

     

    PRESIDENTE – Paolo Regini

     

    "L’adesione a un gruppo – ha rimarcato Regini – avrebbe portato in ogni caso la Cambiano  in un ingranaggio sostanzialmente privo di autonomia che è invece nel dna della nostra banca. Ma insieme alle scelte del cuore  ed alla fedeltà ai valori originari, che sono rappresentati dal connubio sempre vivo rappresentato da efficienza e solidarietà, è stata la scommessa sul futuro, come lo fu quella vincente alla fine degli anni '70 con l'uscita dalla Federcasse toscana e dalle strutture del movimento delle BCC che ha portato la Cambiano verso la SpA”.

     

    “Una sfida – ha continuato il direttore generale Francesco Bosio – che abbiamo intrapreso con determinazione e impegno non indifferenti, vista anche la ridotta tempistica imposta, che ha portato a questo risultato che ci rende orgogliosi. Un risultato che determina il rafforzamento del brand e del posizionamento di mercato di una banca patrimonialmente solida e che continuerà a crescere passo dopo passo anche su nuove piazze, con l’occhio alla redditività e alla qualità del credito".

     

    DIRETTORE GENERALE – Francesco Bosio

     

    "L’adeguamento dell’equilibrio di gestione alle logiche di una banca SpA – ha detto ancora Bosio – e la possibilità di un accesso anche  al mercato dei capitali sono obiettivi della nuova banca e si tradurranno in vantaggi per tutti i soggetti interessati quali i soci, i dipendenti, la clientela, le famiglie, le aziende i  risparmiatori e le comunità delle zone di operatività che  potranno apprezzare  le novità che arrivano da una banca dal cuore antico, ma che sa scommettere sul futuro”.

     

    Sottolineato ripetute volte che "nella nuova veste di SpA la Cambiano non cambierà la sua identità, fatta di costante attenzione ai valori morali e alla trasparenza comportamentale del fare banca, ma il mix “tradizione-innovazione” e “socialità-mercato” possibile nel  nuovo contesto societario aprirà altre opportunità di crescita, senza però inseguire  la finanza ingannevole dei prodotti derivati o le alchimie delle obbligazioni subordinate, che la Cambiano non ha mai avuto e non avrà, ma puntando ad essere sempre di più e sempre meglio una banca ben piantata nel territorio al servizio dell’economia reale".

     

    “Questa è sempre stata e sarà una banca amica, una banca che sa ascoltare e che sa sostenere chi merita il credito e chi cerca un porto sicuro per il proprio risparmio”, ha ribadito Bosio.

     

    La nuova Banca Cambiano 1884 S.p.A vede confermati  nel ruolo di Presidente Paolo Regini, di Direttore generale Francesco Bosio, di vicedirettore generale Giuliano Simoncini, che ricoprivano le stesse cariche nella Bcc di Cambiano, mentre l’ex direttore generale di Agci Bruno Chiecchio  diventa vice direttore generale vicario.

     

    Banca Cambiano SpA ha 350 dipendenti,  41 filiali, di cui 25 in provincia di Firenze, comprese le 3 ex Agci di Bologna Torino e Roma.

     

    L'esercizio 2016 ha registrato un utile netto nell'arco di 5 milioni di euro con una raccolta complessiva stimabile in 2.565 miliardi che confermano il dato del 2015, mentre gli impieghi economici sono stimabili in 2.131 miliardi con un incremento di circa il 5,2%.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...