spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Le pietre di Marino Regoli sulla torre di Vertine: una storia di famiglia e artigianato”

    "Quando nel 1972, Alberto Bruschi da Grassina, antiquario fiorentino, restaurava la torre di Vertine affidò il delicato compito di scelta e cura delle pietre da apporre nella parte terminale a..."

    VERTINE (GAIOLE IN CHIANTI) – Riceviamo e pubblichiamo, da parte del sempre attento Andrea Pagliantini, questo racconto.

    Che ci spiega che la nostra identità, che spesso passa anche da una ristrutturazione, è materia da approfondire e tramandare.

    Quando nel 1972, Alberto Bruschi da Grassina, antiquario fiorentino, restaurava la torre di Vertine nello stato in cui è attualmente visibile (anche a distanza di mezzo secolo) affidò il delicato compito di scelta e cura delle pietre da apporre nella parte terminale a un suo grande amico e artigiano del filaretto.

    Marino Regoli, un rinomato scalpellino, di rinomata famiglia artigiana, che, seduto in terra, con davanti un graticcio di protezione dalle schegge, conciò ogni singolo sasso, che andò a ricostituire il bordo della torre.

    Anche ora, non è difficile scorgere quali sono le pietre messe allora: la differenza fra le pietre originarie e quelle nuove, sta nel colore.

    Le originali sono più scure, le nuove appaiono molto più chiare, danno quasi la sensazione di essere state messe ora, ed in effetti, cosa sono cinquant’anni rispetto a un millennio?

    Il nipote di marino, Aldo Regoli, ripercorre una storia di famiglia e un lavoro artigianale che ormai in pochi sanno svolgere in una bella pubblicazione.

    Dove narra appunto la storia della bottega posta a Pianella, insieme agli attrezzi, le tecniche, la scelta delle pietre.

    Il tutto, tenendo presente che il lavoro dello scalpellino è rimasto immutato per secoli.

    Mostrando a tal proposito dei disegni del nonno Marino che le stesse tecniche lavorative, risalgono ai tempi degli antichi greci e romani.

    “L’arte di lavorare la pietra” di Aldo Regoli, edito da Youcanprint.

    Andrea Pagliantini

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...