spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Meningite, i numeri: obiettivo vaccinare il 70% della popolazione in cinque mesi

    Con la nuova Usl Toscana Centro grande sforzo per rendere uguale l'accesso a tutti i cittadini delle varie aree

    TOSCANA – Riorganizzazione dei presidi della l’Azienda Usl Toscana Centro per garantire la vaccinazione a tutti i cittadini, indipendentemente dall’età, contro il meningococco C.

     

    E’ quanto è stato deciso ieri a Roma, nell’incontro che si è tenuto al Ministero della Salute, e da oggi sono in corso incontri tra dipartimenti e strutture finalizzati a garantire una risposta capillare e appropriata nei territori di Firenze, Pistoia, Prato e Empoli.

     

    La task force, attiva dallo scorso aprile, con aperture straordinarie per vaccinare la popolazione target indicata dalla delibera regionale, quella tra gli 11 e i 45 anni di età, si potenzia ulteriormente: in queste ore sono in corso valutazioni per incrementare ulteriormente le aperture degli ambulatori in tutta la Usl Toscana Centro, che comprende oltre un milione di abitanti.

     

    Uno degli sforzi più importanti è quello di omogeneizzare le procedure di prenotazione e di accesso e i monitoraggi sulla campagna vaccinale straordinaria in tutto il territorio della nuova azienda sanitaria: questo garantirà di superare le attuali differenze assicurando a tutti i cittadini della Usl Toscana Centro le stesse modalità nella fruizione del vaccino contro la meningite di tipo C.

     

    E’ uno dei primi atti della Usl Toscana Centro per uniformare l’erogazione delle prestazioni nelle quattro ex aziende sanitarie (Firenze, Prato, Empoli e Pistoia) implementando l’offerta: si stima che con questa nuova organizzazione sarà vaccinata nei prossimi cinque mesi il 70% della popolazione non ancora vaccinata.

     

    Intanto proseguono regolarmente le prenotazioni per la vaccinazione e si ricorda che, fino al momento in cui non saranno attuati gli adempimenti amministrativi che prevedono l’estensione della vaccinazione gratuita anche agli over 45, la vaccinazione resta al momento gratuita solo per la fascia di età compresa tra gli 11 e i 45 anni di età.

     

    Firenze

     

    Sono 806.000 i residenti nel territorio dell’area fiorentina con età superiore agli 11 anni, di cui: 68.296 tra gli 11 e i 20 anni; 226.438 di età tra i 21 e i 45 e 511.265 di età uguale o superiore ai 45 anni.

     

     

    Fino ad oggi sono state vaccinate 57.784 persone di cui: 28.972 di età tra gli 11 e i 20 anni; 27.363 tra i 21 e i 45 anni e il 1449 con età uguale o superiore ai 45 anni.

     

    Pistoia

     

    Sono 266.162 i residenti nella provincia pistoiese con età superiore agli 11 anni, di cui: 21.895 di età 11-20; 93.965 di età 21-45 e 150.302 con età uguale o superiore ai 45 anni.

     

    Sono 16.700 le persone vaccinate fino a questo momento di cui: 8.273 di età 11-20; 6.697 di età 21-45 e 1.730 di età superiore ai 45 anni.

     

    Prato

     

    Sono 225.986 i cittadini residenti nel Comune di Prato con età superiore agli 11 anni, di cui: 22.156 coloro che hanno tra gli 11 e i 20 anni; 83.816 di età tra i 21 e i 45 anni e 120.014 gli over 45.

     

    Nell’area pratese sono state vaccinate fino ad oggi 17.163 persone: 8.405 di età tra gli 11 e i 20 anni; 7663 di età tra i 21 e i 45 e 1095 di età uguale o superiore ai 45 anni.

     

    Empoli

     

    Nel territorio empolese i cittadini con età superiore agli 11 anni sono 217.380, di cui: 22.006 tra gli 11 e i 20 anni; 76.103 tra i 21 e i 45 anni e 119.271 i cittadini con età superiore o uguale ai 45 anni.

     

    Nell’area empolese sono state vaccinate 35.866 persone di cui: 14.156 di età compresa tra gli 11 e i 20 anni; 19.091 di età tra gli i 21 e i 45 e 2.619 di età uguale o superiore ai 45 anni.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...