domenica 29 Novembre 2020
Altre aree

    Castelnuovo Berardenga: appello alla responsabilità collettiva in vista di Ognissanti

    Il sindaco Fabrizio Nepi invita a rispettare le norme anticontagio e a evitare gli assembramenti: "Programmate la visita nei giorni precedenti o successivi, evitando strette di mano e abbracci”

    CASTELNUOVO BERARDENGA – “Per contrastare la diffusione del contagio da Covid-19 è fondamentale il contributo di tutti e un senso di responsabilità collettiva rivolto, soprattutto, alla difesa delle persone più anziane, linfa della nostra comunità e, al tempo stesso, soggetti più esposti al virus”.

    Inizia così l’invito che il sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi, rivolge ai suoi cittadini in vista della festività di Ognissanti e delle tradizionali visite ai cimiteri.

    Con l’invito a rispettare il divieto di assembramenti e le consuete norme anticontagio.

    Indossare correttamente la mascherina, rispettare il distanziamento sociale e igienizzare frequentemente le mani.

    “In questi mesi – continua Nepi – abbiamo capito come questo virus possa essere particolarmente pericoloso per le persone anziane con patologie pregresse e, in generale, per le persone più fragili”.

    “Per questo motivo – aggiunge – si consiglia ai nostri anziani di fare particolare attenzione nel frequentare luoghi affollati, evitando qualsiasi tipo di contatto, e invitiamo tutti a tutelarli, perché proteggendo loro proteggiamo anche la nostra memoria storica”.

    “In vista della festività di Ognissanti inoltre – dice ancora Nepi – si raccomanda a tutti di fare attenzione alle regole e di non creare assembramenti nei cimiteri”.

    “Programmando – conclude – se possibile, la visita nei giorni precedenti o successivi ed evitando saluti con strette di mano e abbracci”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...