spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Colti in flagrante mentre rubano in chiesa: coppia finisce in manette a Panzano

    I carabinieri li hanno sorpresi mentre stavano ripulendo la cassetta delle offerte per un "bottino" di 33 euro

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – Nel corso della giornata di ieri i carabinieri della Compagnia di Figline Valdarno hanno arrestato per il reato di furto aggravato e ricettazione una coppia, B.A. siciliano di 45 anni e L.M. marchigiana di 48 anni, entrambi noti per i loro trascorsi.

     

    Nella circostanza, i militari dell’Arma  sono intervenuti a Panzano in Chianti nelle vicinanze della chiesa di Santa Maria, dove era stata segnalata un’autovettura sospetta. Che dai primi accertamenti risultava provento di furto.

     

    Inoltre, l’auto era stata segnalata anche la notte prima nelle vicinanze di una chiesa nella frazione di La Piazza, nel comune di Castellina in Chianti; in questa  circostanza l’intervento di un cittadino aveva messo in fuga i due.

     

    I carabinieri, una volta giunti presso la chiesa di Santa Maria, hanno rinvenuto la macchina nel cortile mentre all’interno della chiesa c’erano i due intenti ad asportare il denaro contenuto all’interno della cassette per le offerte.

     

    L’uomo, alla vista dei militari dell’Arma, ha nascosto sotto la maglietta un cacciavite. I successivi accertamenti hanno permesso di rinvenire nella disponibilità dei due la somma di 33 euro, provento del furto delle offerte, la chiave dall’auto e uno zaino colmo di strumenti da scasso.

     

    L’autovettura e gli arnesi sono stati posti sotto sequestro mentre per la coppia sono scattate le manette.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...