spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Frasi su bare Bergamo: la Lega e Luigi Venzi (S.Casciano Civica) in difesa di Leoncini: “Sciacallaggio”

    Scipioni: "Vergognoso sciacallaggio politico sui sentimenti di persone che hanno sofferto e che tutt'ora continuano a soffrire". Venzi: "Un attacco politico nei suoi confronti

    SAN CASCIANO – Dopo giorni di silenzio fa sentire la sua voce la Lega provinciale, con il suo segretario Alessandro Scipioni.

    E, insieme a lui, senza destare grandi sorprese (visto ormai il legame sempre più saldo con il mondo-Lega), anche il capogruppo di San Casciano Civica Luigi Venzi.

    Ed entrambi difendono a spada tratta la capogruppo della Lega in consiglio comunale a San Casciano, Eleonora Leoncini, dopo l’ormai “famosa” frase sulle bare di Bergamo definite una “fake news”.

    Inizia Scipioni: “Ho passato parte della mia vita in Lombardia, ho molti amici bergamaschi e sento profondamente il dolore di una tragedia che ha colpito moltissime famiglie e stravolto un’intera comunità”.

    “Il Covid – riprende – mi ha portato via anche degli amici, e facendo un servizio di volontariato ho avuto modo di vedere da vicino le proporzioni di questa pandemia. In nessun modo nessuno di noi si sognerebbe mai di sminuire quello che tutti stiamo vivendo; un lunghissimo incubo dal quale sogno ogni giorno che il Paese esca al più presto”.

    # Lettera da Bergamo: “Cara consigliera Leoncini, io c’ero a veder partire quelle bare…”

    # Dal Comune di Bergamo probabile querela nei confronti della consigliera comunale Leoncini

    Alessandro Scipioni

    “Conosco personalmente Eleonora – continua il segretario provinciale della Lega – la consigliera comunale che è al centro di questa polemica. La conosco come una mamma, come una professionista, come una donna dal forte impegno civile”.

    “Lei – aggiunge Scipioni – ribadisce il più assoluto rispetto per i morti di Bergamo e per la sofferenza che ne è derivata. Il discorso era molto articolato e sicuramente avrebbe dovuto argomentare meglio il suo pensiero. Ha però chiaramente ribadito di non aver mai negato la tragedia che ha colpito Bergamo e la sua gente”.

    # San Casciano, Eleonora Leoncini (Lega) in consiglio comunale: “Le bare di Bergamo? Una fake news”

    # “Le bare di Bergamo? Fake news”. La consigliera comunale della Lega sulla pagina del Pd nazionale

    “Trovo invece riprovevole – accusa – l’estrapolazione dal contesto di alcune frasi che vogliono dipingere una realtà diversa da quanto realmente accaduto. Siamo davanti ad un caso di vergognoso sciacallaggio politico sui sentimenti di persone che hanno sofferto e che tutt’ora continuano a soffrire”.

    “Sono il primo – conclude – a togliermi il cappello e portare rispetto alle vittime e per questo mi ripugna qualsiasi speculazione politica a riguardo”.

    Gli fa eco, appunto, Luigi Venzi, “dato che ero presente all’ultimo consiglio comunale”.

    “Nel suo lungo e articolato intervento – dice Venzi – la collega consigliera della Lega, non certo voleva negare le morti dovute al Coronavirus nella città di Bergamo”.

    “La questione – prosegue Venzi – riguardava la pubblicazione di alcune foto e lei sicuramente poteva spiegarsi meglio”.

    “Ma la sua frase – conclude – è stata decontestualizzata e usata come strumento per un attacco politico nei suoi confronti, come già altre volte è capitato nei confronti delle opposizioni”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...