spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Paurosa bomba d’acqua anche a Grassina, case allagate, sindaco Casini sul posto

    Ancora una volta. Cittadini furiosi: "Gli interventi sono stati fatti, c'è da capire cosa non abbia funzionato"

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Un'Ema incredibile nel pomeriggio di mercoledì 8 giugno (la vedete nelle foto). Gonfiata da poche decine di minuti di pioggia in cui, statisticamente, è venuta giù l'acqua che di solito viene giù per tutto il mese di giugno.

     

    Acqua che ha inondato alcune vie e case nelle sue vicinanze: in via Giotto, via Abele Bikila e via Scolivigne, dove hanno lavorato sia i vigili del fuoco che i volontari delle associazioni.

     

    Vigili del fuoco che proprio nella zona di Grassina, Antella, Impruneta e San Casciano (oltre che in parti del Mugello) hanno dirottato molte delle loro forze per affrontare la fase dell'emergenza.

     

    A Grassina alcuni immobili sono finiti sott'acqua (i garage e i pianti interrati) per la comprensibile rabbia dei residenti (che già in passato si erano trovati in questa situazione).

     

    Il fiume è tornato a fare paura. La conta dei danni è solo iniziata, ma il paese è stato letteralmente travolto e, per alcune decine di minuti, si è rimasti con il fiato sospeso.

     

    Problemi anche alla scuola Marconi (sempre di Grassina), dove i genitori si sono ritrovati a riprendere i bimbi a scuola con l'acqua… alta e in via Brigate Partigiane, all'Antella.

     

    Il sindaco Francesco Casini ha annullato tutti gli impegni e si è precipitato sul posto: "Dobbiamo capire cosa è successo, anche perché gli interventi sul Borro delle Argille erano stati fatti".

     

    "Va capito – conclude il sindaco – se questo intervento non è stato risolutivo oppure se ci sono stati problemi di occlusione dei tombini. Il tutto però netto del fatto che le tombazioni dei fiumi fatte negli anni '60-'70, come in questa zona, sono difficili da risolvere".

     

    In paese però, comprensibilmente, la rabbia serpeggia. Oltre alla paura: anche stavolta l'Ema ha fatto davvero impressione. E dopo la conta dei danni ci sarà davvero da mettersi attorno a un tavolo per risolvere una volta per tutte le situazione.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...