lunedì 1 Marzo 2021
Altre aree

    Barberino Tavarnelle: farmaci scaduti e pile esauste, aumentano i punti di raccolta sul territorio

    L’intervento è promosso dal Comune in collaborazione con il gestore Alia Servizi Ambientali Spa: contenitori nelle farmacie, negli ambulatori medici e in alcuni negozi

    BARBERINO TAVARNELLE – Il Comune di Barberino Tavarnelle, in collaborazione con Alia Servizi Ambientali Spa, il gestore del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, incrementa i punti sul territorio disponibili per la raccolta dei farmaci scaduti e delle pile esauste.

    Il potenziamento dei luoghi di raccolta si pone l’obiettivo di migliorare il servizio ai fini di una più efficace differenziazione dei rifiuti.

    I punti spaziano in tutto il territorio di Barberino Tavarnelle, comprese le frazioni.

    Per quanto riguarda l’ampliamento dei punti di raccolta, destinati ai farmaci scaduti, si segnalano gli appositi contenitori installati e presenti presso le farmacie di Barberino Val d’Elsa, San Donato in Poggio, Sambuca.

    L’ambulatorio medico di Marcialla, l’area del parcheggio di piazza Cresti, gli ambulatori del distretto socio-sanitario di via Benedetto Naldini e il punto antistante il negozio Coop in via Giorgio La Pira a Tavarnelle.

    Anche per le pile esauste i punti attivi sono quelli delle farmacie, situate nelle frazioni, e di alcuni negozi distribuiti sul territorio di Barberino Tavarnelle.

    Farmaci scaduti e pile esauste possono essere conferiti anche presso l’ecostazione di Sambuca, in località Pontenuovo, e l’ecofurgone.

    L’elenco dettagliato dei punti di raccolta sarà disponibile on line, sul sito del Comune e sulla pagina Facebook attraverso la pubblicazione di un flyer informativo. 

    Informazioni: 055 055 – [email protected].

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...