spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: un progetto per il rilancio del Museo di Arte Sacra di San Pietro in Bossolo

    Comune, Parrocchia e Amici del Museo gli autori: accordo per la valorizzazione che mira a potenziare l’azione di promozione e valorizzazione territoriale dello spazio espositivo

    BARBERINO TAVARNELLE – E’ stato approvato dalla giunta comunale di Barberino Tavarnelle e si appresta ad essere siglato il documento per il rilancio del Museo di Arte Sacra di San Pietro in Bossolo.

    Un’azione condivisa, guidata da una rete di partenariato culturale che si realizza attraverso un nuovo percorso di promozione territoriale.

    Protagonisti dell’attività di rete sono il Comune, la Parrocchia dei Santi Pietro e Lucia a Tavarnelle e l’associazione di promozione sociale “Amici del Museo di Arte Sacra della Pieve di San Piero in Bossolo.

    La giunta Baroncelli ha approvato i contenuti dell’accordo per la valorizzazione che formalizza gli impegni di ciascuna parte nell’opera di potenziamento e diffusione del patrimonio storico artistico ospitato dal Museo.

    Uno spazio che vuole affermarsi e rinnovare la propria identità, anche nell’ambito del Sistema Museale Chianti Valdarno di cui fa parte, come spazio espositivo e luogo di elaborazione, ricerca e redistribuzione di conoscenza della storia sociale e culturale della comunità.

    Giacomo Trentanovi

    “L’obiettivo – spiega l’assessore alla cultura Giacomo Trentanovi – è quello di favorire e stimolare una maggiore fruizione pubblica del Museo da parte dei visitatori di provenienza locale, nazionale ed internazionale, accessibile a tutti, quale luogo di cultura fortemente attrattivo e rappresentativo dell’identità del territorio”.

    Il Museo di Arte Sacra di San Pietro in Bossolo costituisce, con il suo patrimonio storico-artistico, un luogo centrale e necessario per lo sviluppo di nuove progettualità legate alle connessioni e al confronto tra antico e contemporaneo nell’ambito di un più ampio polo di attrazione storico-archeologico e culturale rappresentato dal complesso della Pieve romanica di San Pietro in Bossolo. 

    Il Museo rappresenta un luogo di cultura per la valorizzazione del patrimonio ecclesiastico esistente e un centro di divulgazione, valorizzazione e produzione dell’arte sacra contemporanea.

    Al suo interno sono custodite opere di altissimo pregio provenienti dalle chiese del territorio in gran parte di epoca medievale e rinascimentale.

    “In questo spazio che ha saputo rileggere il presente e nello specifico le potenzialità comunicative attraverso le relazioni tra l’arte contemporanea e il luogo millenario – prosegue Trentanovi – si promuove lo studio, la conoscenza delle collezioni e del patrimonio culturale del territorio. Il Museo è un bene culturale di interesse collettivo da valorizzare, necessario alla crescita sociale della nostra comunità”.

    L’assessore alla cultura coglie l’occasione per rivolgere un appello ai cittadini.

    “Il Museo è patrimonio della comunità nella sua accezione più ampia – conclude –  visto che la pandemia ci ha permesso di riscoprire le realtà a noi più vicine, non appena sarà possibile e consentito, invito le famiglie, adulti, bambini, ragazzi, giovani a recarsi e riscoprire i capolavori dell’arte italiana ospitati all’interno del Museo, spazio forse ancora troppo poco conosciuto dalla nostra comunità. Un ringraziamento è doveroso nei confronti del volontariato culturale senza il quale questi luoghi non sarebbero gli stessi”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...