mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    L’annuncio di Poste Italiane: “Riaperto l’ufficio di Sambuca dopo il furto del 22 ottobre”

    A quasi 4 mesi di distanza, dopo le proteste di cittadini, imprese, dello stesso sindaco David Baroncelli, finalmente lo sportello sambuchino ha riaperto i battenti

    SAMBUCA (BARBERINO TAVARNELLE) – Oltre 4 mesi di chiusura dopo il furto del 22 ottobre dello scorso anno.

    Mozioni in consiglio comunale, sonore arrabbiature di cittadini e aziende, fatte proprie dal sindaco David Baroncelli.

    E, finalmente, oggi la riapertura dell’ufficio postale di via Papa Giovanni XXIII di Sambuca, “alla presenza – dice Poste Italiane – del responsabile relazioni istituzionali Paolo Pinzani e del sindaco Baroncelli”.

    “Terminati i lavori di ristrutturazione – si legge in una nota di Poste Italiane – a seguito dell’evento criminoso di ottobre scorso, ha riaperto oggi l’ufficio postale di Sambuca”.

    “Nella ristrutturazione della sede – si aggiunge – caratterizzata dall’eliminazione delle barriere tra personale e clientela, particolare attenzione è stata riservata alla sicurezza con la quasi totale eliminazione del contante dai banconi grazie a dispensatori di denaro a tempo”.

    E poi, “il monitoraggio continuo della sala al pubblico attraverso centri di controllo remoti e telecamere, la totale visibilità dall’esterno con vetrine più ampie e trasparenti e l’ingresso con porta blindata antisfondamento. L’intera struttura è priva di barriere architettoniche”.

    “L’ufficio postale di via Papa Giovanni XXIII 20 – annuncia Poste Italiane – soddisfa così, in un ambiente confortevole e attrezzato, tutte le richieste della clientela sia per i servizi postali sia per quelli finanziari”.

    Invariati gli orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 13.45 e il sabato dalle 8.20 alle 12.45.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...