spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le cinque donne della scienza su cui punta l’Osservatorio Polifunzionale del Chianti

    Studentesse, guide ambientali, storiche dell’arte, naturaliste, astrofisiche, amiche dell’astronomia e della vita culturale e scientifica: "Siamo figlie delle stelle"

    BARBERINO TAVARNELLE – Si può essere donne e innamorate della scienza, cittadine attive e appassionate che guardano al mondo con gli occhi aperti e inclusivi della cultura, della formazione e della ricerca di altissimo livello.

    Intorno all’Osservatorio Polifunzionale del Chianti fiorentino, sede di eccellenza scientifica su scala internazionale sulla collina di Montecorboli, di proprietà del Comune di Barberino Tavarnelle, gestito dall’Università di Firenze, sono cinque le donne impegnate a costruire percorsi divulgativi, turistico-culturali e ambientali e legati al progresso scientifico nel campo dell’astronomia.

    Nella giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza la giunta comunale decide di rievocare la ricorrenza, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite l’11 febbraio 2015, con l’obiettivo di sensibilizzare e invitare gli Stati membri, le università e la società in generale “a promuovere la piena ed equa partecipazione di donne e ragazze nelle scienze”, dedicando un omaggio alle donne della scienza che a titolo volontario operano per qualificare l’Osservatorio Polifunzionale del Chianti, coordinato dal responsabile scientifico, l’astrofisico Emanuele Pace.

    Sono studentesse, guide ambientali, storiche dell’arte, naturaliste, astrofisiche, amiche dell’Osservatorio e della vita che si muove all’esterno e all’interno, di giorno e di notte.

    Al fianco degli scienziati e delle scienziate che si avvalgono delle sofisticate strumentazioni di cui è dotata la struttura per osservare il cielo, alla ricerca di dimensioni parallele alla Terra, sulle tracce degli esopianeti.

    Rispondono ai nomi di Barbara Guazzini, responsabile dell’area Ambiente dell’Osservatorio, guida ambientale escursionistica, impegnata in varie attività di carattere naturalistico tra cui la ricerca e il censimento delle orchidee spontanee presenti nel Parco Botanico del Chianti che avvolge l’Osservatorio.

    Silvia Grassi, referente per l’organizzazione di eventi, visite e accoglienza, tra le protagoniste della nascita dell’Associazione Amici dell’OPC.

    Maila Agostini, studentessa dell’Università di Firenze, dipartimento di Fisica e Astronomia, volontaria nella realizzazione di eventi e visite guidate, responsabile degli operatori e membro del team di ricerca sugli esopianeti.

    Giada Rodani, ideatrice e organizzatrice di eventi, mostre e progetti culturali che coniugano arte e scienza attraverso il coinvolgimento di artisti contemporanei italiani e stranieri.

    Silvia Giomi, astrofisica, impegnata nell’organizzazione di attività divulgative dedicata in particolare agli studenti e alle bambine e ai bambini del territorio.

    “Mai stancarsi di riaffermare il legame tra parità di genere e cultura scientifica – dichiara l’assessore alle pari opportunità del Comune di Barberino Tavarnelle, Marina Baretta – è importante che ci siano oggi sempre più donne impegnate nel campo scientifico e che anche ai livelli di formazione crescano i numeri delle ragazze che si orientano scolasticamente in questi settori”.

    “Altrettanto necessario – sottolinea – è la diffusione della conoscenza e della storia di donne che si sono distinte”.

    “Siamo impegnati – conclude – nel promuovere politiche di Pari Opportunità volte ad offrire nei luoghi nelle scuole, grazie alle attività dell’Osservatorio, laboratori scientifici, opportunità educative, culturali e occasioni di conoscenza dove le ragazze possono incontrare e perché no innamorarsi della scienza”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...