spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Castelnuovo B.ga, ecco le telecamere E-Killer contro l’abbandono dei rifiuti: fanno una multa al giorno

    Il Comune rafforza azioni e controlli per garantire il corretto conferimento e mantenere il decoro urbano

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Il Comune di Castelnuovo Berardenga rafforza le azioni contro l’abbandono indiscriminato dei rifiuti e le opportunità per il loro corretto conferimento.

    Accanto alle fototrappole installate alcuni mesi fa, in collaborazione con Sei Toscana, sono state aggiunte alcune telecamere E-Killer, che saranno posizionate in zone diverse del territorio e che saranno capaci di rilevare, da una distanza maggiore rispetto alle fototrappole, gli abbandoni di rifiuti ingombranti e pericolosi e ogni azione non conforme al corretto conferimento dei rifiuti.

    Le nuove attrezzature, inoltre, consentono di trasferire le immagini da remoto in tempo reale e saranno collegate direttamente con gli ispettori ambientali per la gestione delle registrazioni, nel rispetto delle norme sulla privacy, e per la conseguente elevazione delle sanzioni.

    Nuove azioni contro gli incivili

    “Il rafforzamento delle attrezzature per contrastare l’abbandono indiscriminato dei rifiuti e il conseguente degrado ambientale – afferma Alessandro Maggi, vicesindaco e assessore all’ambiente di Castelnuovo Berardenga – si è reso necessario per correggere atteggiamenti che compromettono e vanificano i comportamenti virtuosi della stragrande maggioranza dei cittadini”.

    “Gli ispettori ambientali di Sei Toscana impegnati sul nostro territorio inoltre – prosegue – hanno segnalato più volte che quasi sempre i rifiuti vengono abbandonati in maniera non corretta soltanto per inciviltà degli utenti, incuranti di qualsiasi norma e sensibilità ambientale, e non per il malfunzionamento dei cassonetti”.

    “Questo conferma – rilancia – che il sistema di conferimento ad accesso controllato, seppure con alcune criticità, sostanzialmente funziona ed è giusto sanzionare chi non si comporta correttamente, utilizzando anche metodi coercitivi, per rispettare tutte quelle persone che conferiscono correttamente i rifiuti e che hanno a cuore l’ambiente e il decoro urbano”.

    “Grazie alle nuove attrezzature – specifica – nelle scorse settimane è stata elevata quasi una sanzione al giorno per comportamenti inappropriati, senza alcuna motivazione valida e nel totale disprezzo delle norme più elementari di comportamento civico”.

    La crescente raccolta differenziata porta nuove opportunità

    “Negli ultimi anni – aggiunge Maggi – grazie all’impegno di Comune e Sei Toscana ma soprattutto alla fondamentale collaborazione dei cittadini, Castelnuovo Berardenga ha superato il 65 per cento di raccolta differenziata e con questo dato siamo ai primi posti tra i 104 Comuni dell’ambito di riferimento”.

    “Grazie a questa virtuosità inoltre – conclude – abbiamo potuto chiedere all’ATO Toscana Sud un contributo da destinare all’acquisto di nuovi contenitori per il conferimento di piccoli apparecchi elettronici, quali cellulari, ferri da stiro o piccoli elettrodomestici, senza doversi recare ai centri di raccolta. Un’altra iniziativa che potrà aumentare la raccolta differenziata e favorire la crescente sensibilità dei cittadini, a cui va il nostro ringraziamento per la collaborazione e la sensibilità ambientale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...