spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Anche a Castelnuovo Berardenga vietato utilizzare acqua potabile per usi impropri

    Ordinanza emessa alla luce delle criticità di approvvigionamento idrico che si registrano anche in Toscana

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Anche sul territorio comunale di Castelnuovo Berardenga scatta il divieto assoluto di utilizzare l’acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali per scopi diversi da quelli igienico-domestici.

    L’ordinanza è stata emessa dall’amministrazione comunale raccogliendo l’invito rivolto dall’Autorità Idrica Toscana a tutti i Comuni della Toscana a seguito delle criticità nell’approvvigionamento idrico che si registrano anche sul territorio regionale.

    Fino alla revoca del provvedimento per cessata necessità, è vietato l’utilizzo di acqua potabile per il riempimento di piscine e innaffiamento di parchi, giardini e orti.

    L’ordinanza esclude parchi e giardini pubblici, ma prevede il minimo utilizzo possibile di acqua potabile, con ricorso a fonti alternative non provenienti dall’acquedotto civico, e invita i cittadini a non lasciare aperte le fontanelle pubbliche per evitare inutili sprechi.

    Il rispetto di quanto disposto nell’ordinanza sarà controllato dalla polizia municipale e sanzionato ai sensi di legge in caso di violazione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...