mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    AstraZeneca, Gelli: “Sicuro e efficace, somministrazione a over 60 può dare benefici”

    Il presidente della Fondazione Italia in Salute commenta così le novità relativi al vaccino di Oxford: "Bilancio rischi/benfici ancor più favorevole al crescere dell'età"

    FIRENZE – “Il vaccino contro il Covid di AstraZeneca è sicuro ed efficace. Il nesso di causalità sui fenomeni trombotici e tromboembolici a carico dei seni venosi cerebrali non è stato dimostrato ma è ritenuto plausibile. E l’indicazione precauzionale, fornita oggi nella circolare del Ministero della Salute, di utilizzare questo vaccino solo per gli over 60 può comportare alcuni benefici per il prosieguo della campagna vaccinale”.

    Così Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute ha commentato la circolare del Ministero della Salute con la quale si indica un utilizzo preferenziale per gli over 60 per il vaccino contro il Covid di AstraZeneca.

    “Innanzitutto – riprende Gelli – sulla base delle attuali stime di incidenza che indicano l’estrema rarità di quegli eventi, il bilancio beneficio/rischio del vaccino AstraZeneca risulta più favorevole al crescere dell’età, sia in considerazione dei maggiori rischi di sviluppare forme di Covid più grave, sia per il mancato riscontro di un aumentato rischio degli eventi trombotici sopra descritti nei soggetti vaccinati di età superiore ai 60 anni”.

    “Inoltre – aggiunge – l’utilizzo preferenziale per la fascia d’età 60-79 anni può essere un ulteriore stimolo affinché le regioni procedano speditamente nel vaccinare le persone di età più avanzata seguendo quindi rigorosamente un criterio di tipo anagrafico e non più per categorie”.

    “Questa è la via migliore per abbattere in tempi rapidi l’indice di letalità”, conclude Gelli.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...