spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Contagio di rientro da Romania e Bulgaria, Rossi: “Sorveglianza rigorosa in aeroporti e stazioni di bus”

    "Correttamente introdotta la quarantena da quei Paesi. In Toscana 80mila romeni e 3mila bulgari ben inseriti nelle comunità. Non cadiamo nella caccia al migrante untore alla Salvini"

    FIRENZE – “Il ministro della Salute Roberto Speranza ha giustamente disposto la quarantena, quindici giorni di isolamento obbligatorio, per chi proviene dalla Romania e dalla Bulgaria. Questo provvedimento è già in vigore per tutti i Paesi extra Schengen e extra Unione Europea. La decisione di estenderlo è motivata con il fatto che in quei due Paesi il livello del contagio è elevato e in crescita”.

    Inizia così la riflessione del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, su uno dei temi del momento in ambito Covid-19. Ovvero il contagio di rientro dai Paesi dell’Est Europa.

    “Ora – prosegue Rossi – si tratta di applicare questa misura in modo coerente, facendo informazione agli aeroporti, nei punti di arrivo e con iniziative mirate a favore delle comunità nazionali presenti nel nostro Paese e di chiunque per qualsiasi ragione provenga da quelle nazioni, in modo da fare poi una rigorosa sorveglianza sanitaria”.

    “Nella mia regione – dice Rossi – i romeni, cittadini europei dal 2007 che finora hanno avuto il diritto di muoversi in Europa liberamente, sono più di 80.000. Sono ben inseriti e contribuiscono alla vita della regione in molti settori, lavorando con serietà e grande impegno”.

    “Per loro – afferma – oltre che agli aeroporti, si devono garantire controlli accurati anche alle stazioni dei pullman; essendo questo mezzo assai usato dai romeni per recarsi e tornare dal loro Paese”.

    “In numero assai minore in Toscana sono i bulgari – continua il governatore – poco più di tremila; ma anche per loro si devono fare iniziative simili. Oggi stesso cercherò gli ambasciatori di questi due paesi per informarli e chiedere loro di collaborare alla riuscita delle iniziative”.

    “Questo – dice ancora – è a mio parere un approccio razionale e non discriminatorio che tiene conto della realtà, chiede la collaborazione delle persone e contribuisce a tenere sotto controllo il contagio”.

    “Infatti – tiene a dire – analoghe iniziative, rivolte a gruppi specifici, sono state prese in Toscana anche verso i giovani che partecipano alla movida notturna e verso i vacanzieri sulla costa, ai quali viene proposto di effettuare gratuitamente il test sierologico”.

    “Evitare generalizzazioni – conclude Rossi – intervenire correttamente e al meglio possibile, laddove il problema si presenta, è il miglior approccio non solo per tutelare la salute di ciascuno e di tutti, ma anche per evitare che la destra di Salvini utilizzi “il contagio” per il suo sporco gioco politico preferito: quello di indicare l’untore nel migrante e di scatenare campagne di odio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...