spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ospedale Mugello, apre il reparto Covid. Riconvertita l’area medica con 18 posti letto a bassa cura

    E' stato riconvertita un'area assistenziale dell'ospedale, la Medicina A, che ha chiuso per diventare interamente reparto Covid

    FIRENZE – Da domani, venerdì 14 gennaio. apre il nuovo reparto Covid all’ospedale del Mugello. Diciotto letti per cure a bassa intensità accoglieranno pazienti Covid non gravi.

    E’ stato riconvertita un’area assistenziale dell’ospedale, la Medicina A, che ha chiuso per diventare interamente reparto Covid.

    La riconversione si è potuta realizzare in parte a seguito di dimissioni, in parte grazie al trasferimento in altra area dell’ospedale dei pazienti che erano ancora ricoverati.

    L’area medica del presidio di Borgo San Lorenzo anche in questa quarta ondata della pandemia, si conferma nodo importante della rete ospedaliera.

    Una risorsa strategica in un momento in cui la pressione su tutti gli ospedali dell’Azienda, è molto forte.

    I pazienti Covid che saranno ricoverati da domani potranno arrivare dal territorio ma anche da altri ospedali sia più vicini, come Santa Maria Nuova, ma anche da più lontano come Ponte a Niccheri, Prato o Empoli.

    Da parte della direzione di presidio, massimo è l’impegno per mantenere inalterati i livelli di assistenza ai pazienti ricoverati per patologie di altra natura.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...