domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    Tpl e orari ridotti in Metrocittà Firenze. Carpini e Falchi: “Richiamare i gestori”

    I consiglieri metropolitani: "Scelte sbagliate che provocano l'affollamento di linee urbane e carenza di servizio su quelle extra"

    FIRENZE – “Si moltiplicano le segnalazioni che ci pervengono per i mezzi di trasporto su gomma che dopo la pausa pasquale hanno mantenuto gli orari ridotti non scolastici”.

    I consiglieri metropolitano del gruppo Territori beni comuni, Enrico Carpini e Lorenzo Falchi, sottolineano come “oltre ai lavoratori che non si sono mai fermati, sono rientrati in classe tanti studenti più giovani e con la ripartenza dei laboratori anche alcuni delle scuole superiori”.

    Proprio per questo “la scelta dei gestori è sbagliata e provoca l’affollamento di alcune linee urbane ed una grave carenza di servizio su quelle extra-urbane”.

    “E’ necessario e urgente – rilanciano – un intervento rapido e deciso degli enti competenti per ristabilire le condizioni di sicurezza, anche in vista della ripartenza della didattica in presenza per le superiori prevista la settimana prossima”.

    “Non è tollerabile – concludono – che i gestori procedano senza un raccordo stretto con gli enti pubblici competenti e che operino più per risparmiare sui turni di servizio che per garantire sicurezza ed efficienza dei trasporti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...