spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vaccinazioni: il programma fino al 9 maggio (da lunedì 3) nella Asl Toscana sud est

    Nelle province di Siena, Arezzo e Grosseto, programmati 20.782 vaccini anti-Covid in prima dose e 3.600 richiami in seconda dose

    SIENA – La campagna di vaccinazione diffusa nell’Azienda Usl Toscana sud est avanza velocemente.

    Tra il 3 e il 9 maggio sono 20.782 le somministrazioni previste in prima dose: 8.880 in provincia di Arezzo, 6.339 in provincia di Siena e 5.563 in provincia di Grosseto.

    I vaccini utilizzati sono Pfizer (12.140), Moderna (6.452 dosi), Johnson & Johnson (2.190 dosi).

    A questi vanno aggiunte le seconde dosi, tra cui anche i richiami di AstraZeneca (personale scolastico e forze dell’ordine), iniziate il 6 maggio e che prevedono circa 4000 dosi fino a domenica 9 (1.500 Arezzo, 1.400 Grosseto, 1.100 Siena).

    Ricordiamo che questo turno di vaccinazione non è ad accesso libero ma solo su prenotazione già effettuata; i cittadini verranno preavvertiti con un sms.

    Contemporaneamente è partita la campagna per la seconda dose con vaccino Moderna delle persone estremamente vulnerabili a domicilio, campagna che terminerà il 9 maggio.

    Le categorie coinvolte sono: estremamente fragili, persone tra 70 e 79 anni, caregiver, persone tra 65 e 69 anni.

    Nello specifico tra ieri, giovedì 6, e domenica 9 saranno 9826 le nuove vaccinazioni, così divise: 4.652 Arezzo, 1.894 Grosseto, 3.280 Siena.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...