spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Prosegue costante il calo dei ricoverati Covid in Toscana: quasi raggiunta quota 800

    I ricoverati sono 837 (40 meno nelle ventiquattro ore), di cui 148 in terapia intensiva (10 in meno). Sono 392 i nuovi positivi al virus, 11 i decessi

    FIRENZE – Prosegue con costanza il calo dei ricoverati nei letti Covid della nostra regione, che adesso puntano a scendere a quota 800 (fra posti ordinari e terapie intensive).

    Sono 392 i nuovi casi di Coronavirus registrati, nelle ultime ventiquattro ore, nel bollettino quotidiano della Regione che disegna l’andamento dell’epidemia in Toscana, inviato come ogni giorno a mezzogiorno alla Protezione Civile nazionale.

    Trecentonovantadue nuovi casi (e dunque meno dei 559 di ieri) che porta a 238.734 il conto totale delle positività registrate nella nostra regione dall’inizio dell’emergenza sanitaria, quindici mesi fa. 

    Sono 12.288 le persone al momento positive in tutta la regione, il 4,5 per cento in meno rispetto a ieri e circa la metà rispetto ad un mese fa.  

    Di queste i ricoverati sono 837 (40 meno nelle ventiquattro ore, diminuiti del 4,6 per cento), di cui 148 in terapia intensiva (dieci in meno, calati del 6,3 per cento). Crescono anche i guariti, altri 955, e raggiungono quota 219.845: il 92,1 per cento dei casi fino ad oggi registrati, lo 0,4 per cento in più rispetto a ieri.

    E si tratta di guariti a tutti gli effetti: non solo più senza sintomi o manifestazioni cliniche associate all’infezione, ma anche da un punto di vista virale, tutti certificati con tampone negativo.

    Undici sono i decessi segnalati nel bollettino odierno: otto  uomini e tre donne, con un’età media di 84,4 anni. 

    Dei 392  nuovi casi positivi segnalati oggi – lo 0,2 per cento in più rispetto al totale del giorno precedente: 229 riferiti all’Asl Toscana Centro, 70 alla Nord Ovest, 93 alla Sud est –  381 sono stati confermati con tampone molecolare e 11 attraverso il test rapido antigenico.

    I tamponi complessivamente registrati nelle ultime ventiquattro ore sono, rispettivamente, 10.350 e 10.204.

    Di questi l’1,9 per cento è risultato positivo. Se il calcolo lo facciamo sui soli soggetti testati  (7.296, escludendo i tamponi di controllo), la percentuale sale al 5,4 per cento. 

    L’età media dei 392 nuovi positivi che compaiono nel bollettino di oggi è di circa 41 anni:
    il 20 per cento ha meno di 20 anni, il 23 per cento tra 20 e 39, il 39 per cento tra 40 e 59, il 16 per cento tra 60 e 79 e il 2 per cento ottanta o più.

    L’andamento del virus per provincia

    Con gli ultimi casi registrati salgono a 65.788 i positivi, dall’inizio dell’emergenza, segnalati tra i residenti nei territori della Città metropolitana di Firenze (132 in più rispetto a ieri), 21.994 a Prato (51 in più), 22.518 a Pistoia (41 in più), 13.142 a Massa Carrara (11 in più), 24.287 a Lucca (27 in più), 17.233 a Pisa (22 in più), 17.233 a Livorno (15 in più), 22.318 ad Arezzo (47 in più), 13.454 a Siena (24 in più) e 8.613 a Grosseto (22 in più).

    Nel corso dell’epidemia ci sono poi stati 555  casi positivi notificati in Toscana, ma che riguardavano residenti in altre regioni.

    La Toscana si trova al dodicesimo posto in Italia come numerosità di positivi complessivi nell’arco di tutta l’emergenza sanitaria (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 6.508 casi ogni 100.000 abitanti.

    La media italiana è  7.051, dato di ieri. La provincia di notifica con il tasso più alto rimane Prato (con 8.590 casi ogni 100 mila abitanti), seguita da Pistoia (7.743) e Pisa (6.924).  La più bassa concentrazione si conferma a Grosseto (con un tasso di 3.941).

    Sono 11.451 i malati in cura a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano privi di sintomi (534 in meno rispetto al giorno prima, meno 4,5%) e 26.425 le persone, pur non positive, anch’esse costrette nel proprio domicilio, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate: 570 comunque in meno rispetto a ieri, diminuite del 2,1 per cento, 11.924 complessivamente nell’Asl Cento, 7.710 nella Nord Ovest e 6.791 nella Sud Est.

    I decessi

    Delle undici morti segnalate nel bollettino di oggi (8 uomini e 3 donne con un’età media di 84,4 anni), suddivise per provincia di residenza, tre interessano la Città metropolitana di Firenze, una Prato, una Pistoia, una Massa Carrara, quattro Arezzo e una Siena.  

    Dall’inizio dell’epidemia salgono così a 6.601 i deceduti: di nuovo per provincia sono 2.141 a Firenze, 574 a Prato, 607 a Pistoia, 519 a Massa Carrara, 650 a Lucca, 685 a Pisa, 409 a Livorno, 452 ad Arezzo, 304 a Siena, 170 a Grosseto. Vanno aggiunte 90 persone morte sul suolo toscano ma  residenti altrove.

    Il tasso grezzo di mortalità toscano per Covid-19 (numero di deceduti su popolazione residente) è al momento di 179,9 per 100 mila residenti contro 210,6 della media italiana. La Toscana risulta dodicesima tra le regioni.

    Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (273,4 per 100 mila), seguita da Prato (224,2) e  Firenze (217,1)  mentre  il più basso è a Grosseto (77,8).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua