spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Servizio Civile, 69 posti disponibili con Confcooperative Toscana: dai nidi alle ambulanze

    I volontari, dai 18 ai 29 anni, possono fare domanda fino al 28 maggio. La presidente Fiaschi: "Un ponte verso il lavoro"

    TOSCANA – Un’esperienza nei nidi d’infanzia o a bordo delle ambulanze, per aiutare ragazzi in difficoltà o chi è alla ricerca di un lavoro, in favore di persone disabili o per scoprire come funziona l’organizzazione delle cooperative all’interno delle segreterie.

     Sono 69 le opportunità messe a disposizione da Confcooperative Toscana in tutta la regione dedicate ai giovani  tra i 18 e i 29 anni che risponderanno al progetto GiovaniSì e si candideranno al bando per il Servizio civile regionale (progetti 2018 1 proroga – FSC 2014-2020). 

    La scadenza per la presentazione delle domande online è fissata per il 28 maggio prossimo (ore 14) e ci si può candidare per un progetto scelto tra 6 diversi settori: per l’attività nei nidi d’infanzia nelle province di Lucca, Firenze e Prato; per le attività nei centri diurni e residenziali per minori tra Montelupo Fiorentino, Empoli, Campi Bisenzio, Castelfiorentino (Firenze), Lucca e Vitiano (Arezzo).

    Per il trasporto socio-sanitario e di emergenza con la Misericordia di Firenze; per l’assistenza a persone disabili a Massa, Casole d’Elsa (Siena), Sesto Fiorentino e Scandicci (Firenze); nei servizi per l’inserimento lavorativo a Empoli e Lucca.

    All’interno degli ambulatori della Misericordia di Firenze e degli sportelli di informazione e formazione del sistema Confcooperative, delle cooperative e consorzi a Empoli (Firenze), Lari (Pisa), Pisa, Lucca, Firenze, Pistoia, Arezzo.

    Possono partecipare i cittadini residenti, domiciliati o soggiornanti in Toscana. Può fare domanda chi sta frequentando un corso di studi di qualunque tipo.

    La domanda di partecipazione, corredata dal curriculum vitae, deve essere presentata online, accedendo al sito: https://servizi.toscana.it/sis/DASC.

    I giovani interessati possono inoltre contattare Confcooperative Toscana ai numeri: 0553905600  e 3666065924 o alla mail: serviziocivile.toscana@confcooperative.it per ogni chiarimento. Per ulteriori informazioni cliccare su https://giovanisi.it/bando/servizio-civile-regionale-bando-per-giovani/.

    “L’esperienza del servizio civile rappresenta per i giovani una grande opportunità di formazione personale ma anche un ponte verso il lavoro – commenta la presidente di Confcooperative Toscana Claudia Fiaschi – un’opportunità per fare esperienza nei settori di attività che corrispondono alle proprie attitudini e per acquisire quelle conoscenze trasversali che sono molto utili anche per le prospettive occupazionale non solo nel mondo della cooperazione ma anche in altri settori produttivi”.

    “Partecipare al bando di Confcooperative – aggiunge – significa investire su tutto questo, valorizzare il proprio senso civico, mettersi in gioco per dare il proprio contributo alla nostra società e darsi una chance dentro un possibile percorso di lavoro”.

    “Confcooperative Toscana – conclude Fiaschi – vuole dare a ragazzi e giovani un’occasione di formazione concreta e di crescita umana e professionale con un impegno in molti e diversi progetti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...