spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Avanti e Dopo Covid”: a Panzano si riflette insieme a don Alessandro

    Un incontro per confrontarsi sulla nuova vita dopo il Covid-19: si terrà il 13 giugno presso il Giardino della CasaInCentro

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – “Quali potrebbero essere i modi per riuscire a riaccendere la speranza e mettere le basi per il futuro di tutti dopo la pandemia?”.

    Questa è la domanda e la sfida su cui don Alessandro Andreini, parroco di S. Maria Assunta a Panzano, intende far riflettere nell’incontro del prossimo 13 giugno, dalle ore 17 alle 20, che si terrà presso il giardino della CasaInCentro a Panzano in Chianti.

    Qualcuno ha suggerito – si legge nella locandina della presentazione – “che d’ora in poi, non si parlerà più di “avanti e dopo Cristo” ma di “avanti e dopo Covid”.

    Nell’incontro, guidato da Luigi Sisi, pedagogista e formatore dell’Università di Siena, si rifletterà sulla sfida dell’educare in questo tempo di pandemia: un’occasione rivolta specialmente ai genitori, per interrogarsi su come affrontare il nuovo inizio che ci troviamo davanti.

    Particolare attenzione – si legge ancora – sarà focalizzata “su come attrezzarsi per vivere questo “cambiamento d’epoca” e su come poter dialogare con le nuove generazioni che hanno grande bisogno di modelli e proposte educative”.

    Un incontro importante rivolto a tutti e soprattutto a quei genitori che in questo momento si interrogano su come affrontare la sfida per il futuro. Un incontro per formarsi e confrontarsi, per capire ciò di cui hanno bisogno e ciò che desiderano le nuove generazioni per gli anni avvenire.

    All’incontro del 13 giugno è utile prenotarsi inviando un messaggio.

    • Paola Gori: 333 6604955
    • Francesca Coveri: 349 2811456

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...