spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “C’è chi dice No”. Il dibattito con il professor Vizioli, la senatrice Petraglia e Remaschi (Anpi)

    L'incontro sul referendum costituzionale domenica 23 ottobre, alle 17,30 al circolo Arci di Greve. Dopo il dibattito c'è il buffet

    GREVE IN CHIANTI – Un professore universitario, il vicepresidente dell'Associazione nazionale Partigiani, una senatrice. Ecco la prima delle iniziative a Greve del comitato per il No al referendum costituzionale.

     

    L'appuntamento è per domenica 23 ottobre alle 17,30. Il comitato ha organizzato il primo incontro pubblico presso il circolo Arci di Greve in Chianti. Gli ospiti che animeranno il dibattito sono Nicola Vizioli, professore di istituzioni di diritto pubblico all’Università di Siena, Luigi Remaschi, vice presidente provinciale dell’Associazione Nazionale Partigiani d'Italia e Alessia Petraglia, senatrice (Sel).

    Al termine degli interventi dei relatori ampio spazio sarà dedicato alle domande ed al confronto con i cittadini. Seguirà il buffet offerto dal comitato di Greve per il No al Referendum, che informa che le prossime iniziative si svolgeranno anche nelle frazioni.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...