spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Mancata manutenzione e abbandono: tutti i problemi creati a Panzano in Chianti”

    La denuncia del M5S: "Al Poggetto, alla fermata dei bus al Mascherone, a Bacio, al camminamento pedonale..."

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) –  "Ancora disagi di ordinaria manutenzione nella frazione di Panzano. Siepi  di spazi pubblici non tagliate con regolarità che invadono letteralmente marciapiedi, mancato spazzamento di strade a volte qua, a volte là, cittadini che chiamano in Comune per segnalare tali disservizi senza alcun riscontro sul campo".

     

    A dirlo è il MoVimento 5 Stelle di Greve in Chianti: "Nello specifico stiamo parlando del Poggetto, una parte di Panzano peraltro molto frequentata dai cittadini in quanto ci sono negozi di genere di prima necessità. Ebbene, la strada è cosparsa da aghi di pino che di giorno in giorno si depositano, visto appunto il mancato spazzamento, rendendo scivoloso e pericoloso il suolo che è pure in forte pendenza. Il marciapiede è inagibile visto la siepe che lo ha invaso".

     

    "Ma non è la sola parte abbandonata di Panzano – proseguono – Alla fermata dell’autobus, in zona Mascherone, per esempio, è quasi impossibile usufruire delle scale che portano alla Conca d’Oro, in quanto l’illuminazione non funziona da mesi, e vista la tortuosità del sentiero, passare da lì in orari serali, è assolutamente impossibile in assenza della dovuta illuminazione".

     

    "Anche nella parte storica di Panzano – rimarcano – a Bacio, ci sono  fili elettrici che fuoriescono dalla sede stradale… c’era un lampione? Devono essere interrati perché siano in sicurezza? Non ci è dato sapere.  Inoltre, ancora non si hanno notizie dell’illuminazione della pensilina autobus in località Ginestra chiesta due anni fa, che nel frattempo è al buio a giorni alterni anche nell’abitato, visto il mal funzionamento di  alcuni lampioni. Niente, anche quest’anno gli utenti non potranno usufruire di questa fermata fino al ricomparire dell’estate".

     

    "E il camminamento che dovrebbe collegare Panzano al Ferruzzi? – domandano –  Eppure era stato promesso in campagna elettorale, trattandosi di una necessità impellente, visto le numerose famiglie che abitano a le Ginestre e al Ferruzzi. Possibile che nonostante le ingenti somme di tasse che paghiamo non se ne riesca a vedere l’applicazione?".

     

    E' un lunghissimo elenco quello fatto da pentastellati: "La sede stradale che percorre il paese, poi, è letteralmente sconnessa in vari punti, particolarmente quella di Bacio, la parte storica e più visitata di Panzano, dove il manto stradale è fortemente  sconnesso e costellato di buche. Inoltre, lungo un sentiero nella parte storica del paese, giace da sempre un tubo di Publiacqua che dovrebbe essere interrato. Possibile che l’amministrazione sia così distratta di fronte alle manutenzioni ordinarie?".

     

    "E' possibile – chiedono ancora – che, pagando profumatamente il servizio di pulizia delle strade, si debba rinunciare al suo completo svolgimento? Eppure esiste una carta dei servizi che è inequivocabile! Come mai così spesso non è rispettata? L’amministrazione, che è  la legale responsabile del servizio, quando un cittadino fa una segnalazione dovrebbe quantomeno adoprarsi per verificare e risolvere la segnalazione presso il gestore. Al cittadino è dovuto il pagamento, al gestore la completezza del servizio da svolgere, e quando questo non si verifica, l’ente responsabile, è tenuto alla pretesa dello stesso".

     

    "E per finire – concludono – il giorno precedente alla festività di Tutti i Santi, mentre la gente era intenta a sistemare le tombe, al cimitero di Panzano non era possibile annaffiare piante e vasi, in quanto i rubinetti erano a secco. Che dire… . Si tratterebbe di semplice normale ordinario lavoro di un’amministrazione! Invece, in questi casi il cittadino è sempre solo, rimbalzando tra una telefonata e un’altra, alle prese con chi dall’altra parte dice sempre di si ma poi niente cambia".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...